Bologna, 6 ottobre 2017 – Si avvicina l’esordio casalingo di domenica contro Capo d’Orlando e cresce l’attesa della sfida che vedrà la Virtus tornare in serie A, davanti al proprio pubblico. Con 5100 abbonati e quei pochi biglietti disponibili che stanno andando a ruba, domenica si annuncia un PalaDozza tutto esaurito per la prima di Rosselli e compagni.

Un pubblico numeroso, caloroso e festante, ovviamente come suggeriscono i gruppi di tifosi organizzati di Forever Boys e Vecchio Stile, tutto All in Black, cercherà di spingere la Virtus alla sua prima vittoria stagionale. La sconfitta di sabato scorso a Trento è stata prontamente digerita, anche se qualche grattacapo non manca ad Alessandro Ramagli, costretto a fare i conti con l’assenza, sicura, di Stefano Gentile, e con l’infortunio di Klaudio Ndoja che costringerà il guerriero di Scutari a scendere in campo con una speciale maschera protettiva.

Anche sabato dalle 10 alle 12.30 gli uffici della Virtus, in via dell’Arcoveggio, rimarranno aperti per la distribuzione delle tessere agli abbonati. Negli stessi orari e poi domenica da un paio d’ore prima della palla a due (prevista per le 18.15) sarà aperta la biglietteria del PalaDozza per l’acquisto degli ultimi biglietti a disposizione. La Corte Sportiva d’Appello ha infine rigettato il reclamo della Virtus per la squalifica di un turno comminata ad Alessandro Gentile, pena che per altro la società aveva commutato con 3000 euro di multa.