Bologna, 29 settembre 2017 – Domenica 1° ottobre papa Francesco visita Bologna vent’anni dopo l’ultimo viaggio di un Pontefice sotto le Due Torri. Basterebbe questo dato temporale a rendere l’idea di un evento storico per una delle città più importanti del fu Stato Pontificio. Dopo Wojtyla ecco Bergoglio, la cui venuta capita in un momento particolarmente delicato sotto il profilo della sicurezza. Percorso e programma ne tengono conto, così come la viabilità: strade chiuse, autobus Tper deviati, sosta vietata in 160 strade, serrate le saracinesche di molti negozi. Saranno 600 gli uomini impiegati tra poliziotti, carabinieri e finanzieri per garantire l'ordine pubblico.

La visita del Papa: la mappa interattiva del percorso e dei divieti 

Il programma, il percorso, gli orari – Il Papa Day comincia alle 10.30, quando l’elicottero del Pontefice atterrerà nel parcheggio antistante la sede de ‘il Resto del Carlino’, in via Mattei. Il punto di partenza non è stato scelto a caso, visto che la prima tappa della visita vede un incontro con i migranti ospiti dell’Hub regionale, situato a poche decine di metri di distanza.

Un’ora di udienza privata, poi, alle 11.30, il trasferimento in piazza Maggiore attraverso le vie Mattei, Massarenti, San Vitale, Rizzoli e piazza Re Enzo. Nel cuore di Bologna, alle 12, è prevista la recita dell’Angelus davanti a una platea di 5mila persone. Alle 12.30 il Papa parteciperà al pranzo solidale con i bisognosi organizzato nella Basilica di San Petronio. Intorno a lui siederanno mille persone selezionate dalla Curia. Il menù? Tradizionale ma rispettoso di tutte le religioni. 

Il tempo è poco, il programma fitto. Così, alle 14.30 nella Cattedrale di San Pietro si terrà un incontro con preti, diaconi e religiosi. Alle 15.30 gli universitari accoglieranno il Santo Padre in piazza San Domenico. È l’ultimo appuntamento in centro storico, dopo del quale, intorno alle 16.30, Bergoglio raggiungerà in auto lo stadio Dall’Ara percorrendo le vie Marsili, Urbana, Saragozza, De Coubertin, Andrea Costa, dello Sport. E alle 17 celebrerà la Santa Messa davanti a 45mila persone. Chiunque può partecipare, ma per ottenere i biglietti bisogna accreditarsi cliccando sul sito 1ottobre2017.it. Al termine della celebrazione eucaristica, Papa Francesco ripartirà dall’eliporto del centro sportivo Corticelli di via Zoni.

Strade chiuse e bus Tper deviati: ecco come cambia la viabilità – Una giornata intensa, che vedrà la mobilità di Bologna subire una rivoluzione. A cominciare dal traffico. Saranno moltissime le strade chiuse il 1° ottobre, altre saranno interdette già da domani, sabato 30 settembre (per i dettagli clicca qui e qui per accedere alla mappa interattiva del percorso e dei divieti). Nel fine settimana saranno chiuse anche due uscite della tangenziale, la 11 in carreggiata sud e la 11bis in carreggiata nord (qui gli orari).

RIMOFOTO_25714036_104640

La sosta, i bus Tper e i treni – Inoltre fin da oggi, venerdì 29 settembre (fino alle 6 di lunedì), scatta il divieto di sosta con rimozione forzata in 160 strade. Sono quelle interessate dal percorso papale più le vie laterali nel raggio di cinquanta metri. Il Comune, per alleviare i disagi, ha deciso di agevolare i residenti estendendo la gratuità dei parcheggi nelle giornate di oggi e domani (ecco come: clicca qui).

Ad ogni modo, sarà un po’ difficile usare l’auto questo fine settimana. Ma pure le linee degli autobus Tper subiranno modifiche drastiche (clicca qui per i dettagli). Il consiglio del Comune è di parcheggiare nelle aree di sosta servite dalle navette gratuite. In particolare i parcheggi Dozza, Manifattura e Costituzione, che saranno collegati dalle navette ai luoghi interessati dalla visita del Papa. E per chi viene da fuori è stato potenziato il trasporto ferroviario. Sono 44 i treni speciali messi a disposizione (ecco quali: clicca qui).

image

Il piano sanitario – Non da meno lo sforzo della sanità bolognese. Il piano del 1° ottobre mette in campo 200 operatori sanitari, 3 droni, 24 mezzi e 4 posti medici avanzati. Il tutto coordinato dalla centrale 118 Emilia Est dell’Azienda Usl di Bologna. Anche il personale degli ospedali sarà rinforzato in vista di eventuali emergenze. Per arrivare al Sant'Orsola, inoltre, sono stati studiati dei percorsi alternativi. Nella speranza che alla fine tutto questo non serva e si possano ricordare solo le emozioni di una giornata storica.

La diretta - Tutta la vista sarà trasmessa in diretta da Ètv Rete 7. In collaborazione con il Centro televisivo vaticano, l'emittente emiliano-romagnola seguirà infatti integralmente tutti gli appuntamenti di Bergoglio, dalle 10,30 con la tappa all'Hub dei migranti di via Mattei, fino alla messa allo stadio Dall'Ara del pomeriggio.