Cesena, 13 agosto 2017 - E' un Cesena bello, finché le gambe reggono, capace di far sudare il Genoa e fargli rischiare l'eliminazione. Alla fine la spunta il Grifone 2-1, non senza l’appendice dei tempi supplementari, trovando una qualificazione che per buona parte della gara viaggiava con merito verso la Romagna.

Si ferma così al secondo impegno l'avventura del Cesena in Tim Cup, ma mister Camplone ha raccolto tante buone indicazioni dalla trasferta ligure. I rimpianti stanno sulle palle gol fallite nel finale da Jallow e Crimi, che avrebbero portato la sfida ai rigori, ma resta la buona prova. Ad aprire le marcature al 36' era stato Laribi con un rigore assegnato per un fallo su Gliozzi da parte di Rosi.

A inizio di ripresa il pari dei padroni di casa con Simeone, destinato alla Fiorentina, autore di una deviazione sottomisura dopo una giocata in area di Pandev. Le parate di Fulignati e Perin portano le squadre ai supplementari, dove il Genoa conquista il passaggio del turno con una rete di Laxalt, che anticipa tutti su assist di Rigoni.