Cesena, 11 settembre 2017 - Venerdì ricomincia la scuola e le scuole cesenati che avevano bisogno degli interventi più urgenti sono sono state rimesse in sesto. In qualche modo. Alle superiori (edilizia scolastica in carico alla Provincia) ha traslocato l’istituto Geometri Garibaldi, sbolognato dal Cubo con delibera della Provincia per far posto alla metà della aule del liceo linguistico Alpi (l’altra parte è insediata nell’edificio che ospita il liceo scientifico, dove restano presidenza e segreteria).

Nella nuova sede di piazzetta Ravaglia Geometri avrà l’ingresso separato da una parete dallo School bar dell’istituto tecnico economico Serra e occuperà la parte resa autononoma dell’ampio edificio di Ragioneria, con 12 aule, sull’ala che dà verso l’hotel Casali. I locali per le classi sono in corso di allestimento così come i laboratori, mentre il comitato dei genitori ha fatto sapere che vigilerà sulla nuova dislocazione (osteggiata fino all’ultimo anche rivolgendosi a un legale) per verificare che lo svolgimento della didattica e l’utilizzo dei laboratori saranno regolari.

Il liceo classico Monti ha mantenuto la sede al Cubo, con tutte le classi. Quanto alle scuole comunali (nidi, materne, elementari e medie) ammonta a 700mila euro il costo dei lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria eseguiti dal Comune durante l’estate in 12 edifici.

Materne e nidi: sono stati realizzati due interventi al ‘Il Prato’, in viale Carducci (cambiati infissi e tapparelle e installati vetri termici e veneziane in alluminio) e alla scuola d’infanzia di Villarco (rifatti i servizi igienici, imessa a nuovo la pavimentazione delle aule e del dormitorio ed è stato rifatto il controsoffitto).

Migliorie e anche alle elementari di San Carlo, Carducci, Calisese, Oltresavio, Pascoli, Saffi, San Domenico, San Giorgio e Villarco:per lo più sullo stato di sicurezza dei soffitti, per evitare lo sfondellamento. Al Saffi-San Domenico sono state eseguite anche cuciture armate nelle murature ed è stata rinforzata la muratura portante del porticato. Intervento sulla copertura alla elementare di San Vittore e sistemata la recinzione perimetrale della scuola primaria Fiorita. Scuole medie: lavori a quella Borello (costruito campo polivalente nel cortile) e alla Pascoli (completato il risanamento del solaio di copertura).

Altri edifici restano con acciacchi più o meno gestibili: il Comune non naviga nell’oro e la Provincia è notoriamente in bolletta cronica.