Cesena, 25 settembre 2017 - Una passione divorante per il volo lo aveva portato già a 18 anni ad entrare in Aeronautica. Gabriele Orlandi, 36 anni, cesenate d’origine (la famiglia risiede nella zona di Case Finali) e residente a Gambettola, aveva prestato servizio come allievo ufficiale di complemento alla base di Cervia ma già nel 2001, dopo aver superato brillantemente il concorso, era entrato in Accademia.

Il suo sogno era pilotare i caccia e c’era riuscito alla grande, accumulando tra l’altro una notevole esperienza professionale. «Era entusiasta ed espertissimo – racconta un collega –. Era in servizio al reparto di sperimentazione di Pratica di Mare, ma aveva anche una grande esperienza operativa, avendo volato proprio con l’Eurofighter nel 36° Stormo di Gioa del Colle». 

Si cerca la scatola nera

Terracina il momento della caduta dell'Eurofighter (ansa)
Con lo stesso velivolo il capitano Orlandi aveva compiuto numerosi voli di presentazione in giro per l’Italia, in manifestazioni come quelle di Terracina dove l’aeronautica mette in mostra i suoi gioielli. Tra questi proprio l’Eurofighter, uno dei caccia tecnologicamente più avanzati al mondo, un bimotore di quarta generazione e di concezione europea che raggiunge 2.400 km orari di velocità ed è in grado di competere alla pari con i caccia più moderni di Russia e Stati Uniti. Ai comandi di un Eurofighter Orlandi si era esibito anche a Ravenna lo scorso 10 luglio.

Terracina il momento della caduta dell'Eurofighter (ansa)

Il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, e il Capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano, ieri pomeriggio hanno subito espresso il cordoglio della Difesa ai familiari e all’Aeronautica militare, per la perdita del capitano Gabriele Orlandi. Manifestazioni di cordoglio per i familiari e l’Aeronautica sono giunte ieri da numerosi esponenti della politica e delle istituzioni.

Leggi anche: il commovente saluto dei colleghi