Civitanova, 7 gennaio 2018 -  ​Un furto riuscito, altri due tentati. In contrada Cavallino raid dei ladri l’altro pomeriggio. Paura per una anziana e per una mamma con il suo bambino, che erano in casa durante le incursioni. La zona si trova sotto l’abitato della città alta, con parecchie villette, appetibili per balordi. E venerdì, tra le 18.30 e le 20, sono state diverse le famiglie che hanno ricevuto visite sgradite.

Ai carabinieri della caserma di Civitanova Alta sono stati denunciati tre episodi. Un furto è stato messo a segno nell’abitazione di una anziana, che è rimasta chiusa in bagno mentre i ladri ripulivano la camera da letto e il soggiorno dopo aver sfondato una porta finestra al piano terra della casa a due piani. Hanno portato via la borsa e qualche oggetto di valore, in oro, trovato nei cassetti, per un bottino di alcune centinaia di euro. L’allarme è poi scattato in altre due proprietà. In un caso, all’interno c’erano una mamma e suo figlio. Si trovavano entrambi al piano superiore quando i ladri hanno scavalcato la recinzione arrampicandosi sul lato che garantiva loro più protezione, poi hanno provato a forzare una finestra al piano di sotto.

Non li ha fermati il fatto che fossero accese le luci dell’abitazione e che la macchina dei proprietari fosse parcheggiata all’esterno. Hanno tentato lo stesso di entrare. La donna ha sentito dei rumori provenire dal basso e si è affacciata dal balcone, comportamento che li ha messi in fuga. Tra i residenti di contrada Cavallino c’è adesso parecchia preoccupazione per questa scia di incursioni e per la concomitante presenza nella zona di alcune carovane di nomadi.