Civitanova Marche, 13 aprile 2017 – Ha risolto molti problemi della vita quotidiana quella signora di mezza età che, alla tabaccheria Paoloni di via D’Annunzio, quartiere San Marone, ha investito due euro per un gratta e vinci «Super settimana». Un investimento fortunato, anzi, fortunatissimo. Gratta e gratta, infatti, è uscita la clamorosa vincita: 500 euro la settimana per la bellezza di 20 anni. Per dirla in termini spicci, la signora si vedrà recapitare a casa (o in banca) un assegno di 2mila euro al mese senza muovere un dito e, volendo, può intestare la vincita ad altro componente della famiglia.

La fortuna è cieca e nel caso specifico s’è fatta viva durante la settimana di Pasqua e forse pescando bene la persona da beneficare. La donna, secondo le poche notizie che il cronista è riuscito a racimolare (in questi casi il segreto è una regola), viaggerebbe verso i 45-50 anni di età e tira avanti la baracca non senza sacrificio, come succede purtroppo a tanti. Ieri si è rifatta viva in tabaccheria per annunciare la vincita e ringraziare. Un gesto gentile che ha fatto piacere alle sorelle Paoloni.

«Non è una nostra cliente – dice Liliana –, ma risiede nella zona. L’altra sera era di passaggio, ha chiesto il gratta e vinci e le è andata più che bene». Non è la prima volta che la tabaccheria registra una vincita così consistente, ma quella di ieri è un record. «In passato c’è chi ha vinto 50mila euro – dice sempre Paoloni – vincite da 100 o 500 euro sono abbastanza frequenti, ma assicurarsi una vita decorosa con 2mila euro al mese per venti anni è il colpaccio per noi più clamoroso». Vincite consistenti in città se ne sono verificate anche in passato. In via Einaudi, una ventina di anni fa, un anonimo acquistò per caso un biglietto della lotteria di Capodanno e vinse due miliardi di lire. Vincita più o meno analoga, qualche anno dopo, fa venne registrata, sempre con la lotteria Italia, nella tabaccheria di via Montenero.

Lo scorso anno, invece, nella pasticceria Maurizio, una signora scelse un gratta e vinci della Super settimana da un euro preferendolo al resto di un caffè, e quasi trasecolò quando scoprì d’aver sistemato la quotidianità sua e della famiglia con una gratificante vincita mensile per venti anni.