Civitanova, 11 gennaio 2018 - Nuovo caso di meningite, questa volta, però, da pneumococco, dunque senza alcun rischio di contagio. La malattia ha colpito un’anziana che si è presentata al pronto soccorso con dolori a un orecchio. Le è stata diagnosticata un’otite. Da quanto è stato accertato, la meningite si sarebbe sviluppata proprio come una complicanza dell’otite.

La donna è stata poi trasferita nel reparto di malattie infettive di Macerata. Nell’arco di alcune settimane è il terzo caso di meningite in provincia. Il primo, il più serio, ha riguardato, nei giorni antecedenti il Natale, una 50enne russa, colpita da meningite da meningococco, una forma ben più severa, tanto che la donna è persino finita in coma. Ne è poi felicemente uscita grazie alle terapie a cui è stata sottoposta nel reparto di malattie infettive diretto da Alessandro Chiodera. Meno grave il caso del 75enne maceratese, ricoverato nello stesso reparto, a Santo Stefano.

C’era stata qualche apprensione, poiché l’anziano frequentava assiduamente un circolo ricreativo, e non era chiaro il tipo di batterio che aveva sviluppato la malattia. è poi emerso che non c’era mai stato un rischio di contagio. A provocare la malattia, infatti, in questo caso, era stato un batterio intestinale, individuato con le analisi effettuate sul paziente.

f. v.