Civitanova, 6 luglio 2017 - Vince Civitanova fa l’asso pigliatutto, alla Lega Nord l’assessorato alla sicurezza, due gli assessorati in rosa e, per la quota vintage, c’è il ritorno di Troiani, Carassai e Borroni mentre resta fuori Marzetti, che mirava al turismo. Firmati ieri mattina da Fabrizio Ciarapica i decreti di nomina della sua giunta.

Il sindaco terrà per sé le deleghe al bilancio, alle partecipate e ai vigili urbani. Sette gli assessori che lo affiancheranno: Fausto Troiani (vice sindaco, nettezza urbana, viabilità), Pierpaolo Borroni (commercio, attività produttive, pesca, politiche giovanili, gemellaggi), Ermanno Carassai (lavori pubblici, patrimonio, delegazione di Civitanova Alta, demanio, autoparco, gestione alloggi Erp), Barbara Capponi (servizi sociali, famiglia, scuola, istruzione, progetti speciali per l’infanzia e l’adolescenza), Giuseppe Cognigni (sicurezza, decoro urbano, verde, ambiente, cultura della legalità, protezione civile, lotta al degrado), Maika Gabellieri (cultura, turismo, sport, università, progettazione europea), Enrico Giardini (personale, semplificazione amministrativa, innovazione tecnologica, trasparenza e comunicazione, politiche del lavoro).

Una giunta a trazione Vince Civitanova che piazza tre esponenti in giunta, oltre al sindaco anche Troiani – che ricomincia dallo stesso ruolo da cui lo aveva defenestrato Marinelli nel 2003 - e la Gabellieri, e si prende bilancio, urbanistica, cultura, turismo, polizia municipale, nettezza urbana, viabilità, sport. Poi, un assessorato a testa per tutte le altre componenti della coalizione: per Forza Italia l’eterno Carassai ai lavori pubblici, per FdI Borroni, la Lega con Cognigni porta a casa il Santo Graal della sicurezza, Giardini in rappresentanza di Noi con Ciarapica, la Capponi di Obiettivo Civitanova. Quattro su otto (Cognigni, Gabellieri, Giardini e Capponi) sono le facce nuove. Con la nomina ad assessori, quelli che erano stati eletti in consiglio comunale decadono e, nella prima seduta convocata per sabato alle 17, saranno sostituiti dai primi dei non eletti di ciascun gruppo politico. In virtù di questo meccanismo subentrano come consiglieri Paolo Nori e Monia Rossi per Vince Civitanova, Vincenzo Pizzicara per Noi con Ciarapica, Giuseppe Baioni per Forza Italia, Maria Cristina Ruffini per Fratelli d’Italia.