Civitanova (Macerata), 5 marzo 2017 - Pronostico rispettato davanti ai 3.587 spettatori dell’Eurosuole Formum di Civitanova. La Cucine Lube batte la Tonno Calipo Calabria Vibo Valentia con un netto 3-0 (25-13, 25-15, 25-20) in Gara 1 dei quarti Playoff della SuperLega UnipolSai, guadagnandosi dunque due match point per l’accesso alla serie di semifinale: il primo, i biancorossi di Gianlorenzo Blengini se lo giocheranno in Calabria mercoledì alle 20.30. A senso unico la partita che ha sancito l’esordio delle due formazioni nella corsa per lo scudetto 2017.

I sestetti

Indisponibili da una parte il martello tedesco Kaliberda (problema ad un gluteo) e dall’altra il pari ruolo francese Geiler (distorsione alla caviglia sinistra), i marchigiani si sono presentati in campo con Kovar e Juantorena a formare la diagonale di posto 4, Cester al centro unitamente a Stankovic e il transalpino Grebennikov nel ruolo di libero, mentre sulla sponda ospite il tecnico Kantor ha inserito nel sestetto titolare Thiago Alves per completare la coppia di schiacciatori con l’altro brasiliano Kadu.

La partita

Primo set di netto dominio Lube. E’ Kovar il trascinatore iniziale dei biancorossi, che dopo il 10-5 firmato da un ace proprio del martello di origini ceche, prende ancora di più il largo con servizio (4 ace) e muro (4 vincenti). Kantor gioca la carta della disperazione quando sul 9-18 inserisce la diagonale d’attacco Izzo-Rejlek. Tentativo che va a vuoto, contro una formazione di casa che attacca con il 100% di efficacia con ben 4 giocatori: Sokolov (6 punti), Stankovic (1), Kovar (5) e perfino Christenson (3). Finisce 25-13.

Non è molto differente rispetto a quella precedente la trama del secondo parziale, in cui inizialmente è il gran lavoro del muro-difesa che consente alla Cucine Lube di prendere subito un break con i contrattacchi innescati dall’egregio Christenson. Che si affida con grandi risultati soprattutto a Sokolov (6 punti, 86% su 7 schiacciate) e Juantorena (7 punti, 75% su 8 palloni) per scardinare il muro avversario, per la verità mai incisivo. Sul 21-13 per i padroni di casa si rinnova l’avvicendamento in regia tra Coscione e Izzo. Ma questa Lube, che schiaccia addirittura con l’84% di positività di squadra (contro il 45% degli ospiti, deficitari anche con il 36% in ricezione), è davvero troppo per la Tonno Callipo, che si arrende 25-15.

E’ invece nel terzo parziale che i calabresi provano la reazione d’orgoglio. Riuscendo non solo a mettere per la prima volta il muso davanti, ma trovando anche il break con Kadu, bravo a capitalizzare il bel lavoro del muro-difesa sull’attacco di Stankovic, per mettere a terra il contrattacco dell’11-9. Dura comunque poco, ovvero fino all’ace di Stankovic che vale la parità a quota 11, e al successivo turno al servizio del meritatamente Mvp Tsvetan Sokolov (18 punti, 83% in attacco, 3 muri e 2 ace), che con due ulteriori battute vincenti di fila (14-12) apre ai suoi la strada verso il 3-0 finale, sigillato da Enrico Cester con un attacco di prima intenzione (25-20).

Il tabellino

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Sokolov 18, Candellaro n.e., Pesaresi, Juantorena 10, Casadei n.e., Stankovic 5, Kovar 9, Christenson 7, Cester 7, Grebennikov (L), Corvetta n.e., Cebulj. All. Blengini.

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA: Costa 4, Coscione 1, Marra (L), Izzo, Corrado n.e., Michalovic 4, Kadu 11, Barone 2, Thiago Alves 4, Diamantini 8, Torchia, Rejlek 3. All. Kantor.

ARBITRI: Gnani (FE) – Simbari (MI)

PARZIALI: 25-13 (21’), 25-15 (22’), 25-20 (22’)

NOTE: Spettatori 3587, incasso 33.179 Euro. Lube bs 9, ace 10, muri 8, ricezione 53% (32% prf), attacco 69%, 3 errori . Vibo bs 12, ace 5, muri 2, ricezione 41% (22% prf), attacco 45%, 4 errori.