Bologna, 5 ottobre 2017 - Dopo la festa di metà settimana, tornano le mille occasioni di svago del weekend, in bilico tra arte, cultura, tanta musica dal vivo e le consuete prelibatezze itineranti.

VENERDI' 6 i golosi troveranno pane per i loro denti a Granarolo, tra le bancarelle di “Mangia come un toro”, la rassegna di cibo di strada parte della “Granarolo in festa” aperta fino a domenica, e i patiti della birra artigianale accorreranno al Parco Nord, per le ultime battute di una “Oktoberfest” in salsa bolognese. Inzia poi anche la lunga maratona della Tartufesta che in questo fine settimana fa tappa a Lizzano. A Castello di Serravalle, poi, spazio alla tradizione con la Sagra del gnocco fritto.

Qui il calendario completo delle sagre di ottobre

La libreria Modo Infoshop, invece, ospiterà la presentazione della audio-graphic novel “Rien!”, alla presenza dell'autore, Eugenio Luciano (è stato invece annullato l'incontro all'Ambasciatori con il ministro per i Beni Culturali, Dario Franceschini). A Villa Spada, aprirà i battenti il rinnovato Museo del Tessuto e della Tappezzeria, intitolato a Vittorio Zironi. L'appuntamento clou del calendario dell'associazione Vitruvio, d'altra parte, sarà la gettonatissima “Zdàura Experience”, con Onorina Pirazzoli a guidarci tra le curiosità della “Bologna Experience” di Palazzo Belloni. Sul fronte musicale, poi, in vista del “Krakatoa Fest” che invaderà il Tpo sabato e domenica, il Freakout Club si preparerà all'evento con una densa preview, mentre al Locomotiv Club andranno in scena i Forest Swords e sul palco del Covo Club saliranno i Dirty Fences. Al Macondo di via del Pratello, inoltre, proseguiranno i concerti della “Macondo's Vudstock” e la notte si farà sempre più calda, infine, tra il party “Room” dello Studio54 e il “LO/MO” dell'Off, in programma a partire dall'ora dell'aperitivo.

SABATO 7 si ricomincia dall'arte, grazie all'esposizione pittorica “Quidditas”, che riunirà alla Otto Gallery le opere di Paola Angelini, Luigi Carboni, Gabriele Di Matteo e Matteo Fato, alla “Take me (I'm Yours)” del Parcheggio Giuriolo, nel solco della “Anime. Di luogo in luogo” di Christian Boltanski, ma soprattutto grazie alle fotografie del “Fujifilm X-Vision Tour 2017”, al Mast. Per chi adora curiosare tra le vecchie cose, consigliamo una capatina al Giardino del Baraccano dalle 9 alle 18 per il mercatino di beneficenza in cui sono esposti mobili, oggetti, libri, abbigliamento tutti pronti - come si dice ora - per il riuso: è aperto anche sabto 8. Torneranno in campo, poi, anche il “Mercato Ritrovato”, tra botteghe artigianali e delizie a Km0, e le sonorità anni '20 del “Mercato Swingato”, mentre al Museo Archeologico si terrà la conferenza di Gian Pietro Basello sulla scrittura cuneiforme in Mesopotamia e il Museo della Musica si sdoppierà fra il laboratorio per l'infanzia “Manamusica”, la mattina, e la conferenza di Valerio Corzani “Psichedelia, old & new dreams”, tra Pink Floyd e Radiohead.

Se, inoltre, le passeggiate di “Trekking col treno” ci porteranno sul sentiero della Pace fino a Casola Valsenio, in occasione della “Sagra dei frutti dimenticati”, non mancheranno certo le proposte vitruviane, dalle escursioni all'Orto Botanico e nei sotterranei della Salaborsa, fino ai misteri del Nettuno e ai tour serali “Black Trek” e “Ma che strega che sei!”. Sabato, però, significa anche tanta musica dal vivo, a cominciare dai concerti di Clap your hands say yeah (questa a Bologna sarà la loro unica tappa italiana) e Lorenzo Kruger, rispettivamente al Covo Club e all'Arteria, per proseguire con il volume altissimo del “Krakatoa Fest”, al Tpo, e con le jam session del “Macondo's Vudstock”. Il Locomotiv Club, invece, sarà la casa di Dj Food, mentre l'Archivio dell'Ex Forno del Pane darà spazio all'etichetta napoletana Early Sounds Recordings e la serata “REVèRSO” dell'Elastico fa/Art andrà vista in continuità con la “Take me (I'm Yours)” di Boltanski. Fra gli eventi più attesi del fine settimana, infine, restano il closing party del Guasto Village Summer e la “Robot Night” del Link, con Ricardo Villalobos sugli scudi.

DOMENICA 8 il tenore degli appuntamenti sarà, come sempre, un po' più riflessivo, a partire dall'escursione “Monte Sole, i giorni dopo la strage”, organizzata da Trekking col treno, e dall'incontro di Palazzo Fava “Red Ronnie meets the Beatles”, a margine della mostra di Astrid Kirchherr. Ma la mattina (dalle 8,30 alle 13,30) apre il primo mercato dei fiori di piazza Aldrovani: d'ora in poi sarà un appuntamento settimanale. Nel giorno di chiusura della “Mangia come un toro”, poi, il Teatro Dehon farà da sfondo a “Guccio!”, lo spettacolo dedicato alle canzoni di Francesco Guccini, interpretate da Marco Morandi, Luca Longhini e Roberto Manuzzi, mentre Vitruvio ci accompagnerà fra Palazzo Poggi, la pancia della Montagnola e i calanchi di Monteveglio, oltre che nel divertimento di un'altra edizione della Zdàura Experience”.

I musei cittadini, però, saranno protagonisti della giornata in molti altri modi, prima fra tutte la visita guidata mattutina “Arte e natura alle Collezioni Comunali d'Arte”, a Palazzo D'Accursio, per proseguire, sempre in mattinata, con i “Chiostri inesplorati e angoli nascosti” della Certosa e con il percorso “Follie, scappare dalla guerra rincorrere la guerra”, al Museo del Risorgimento. Seguiranno, nel pomeriggio del MAMbo, le visite alla Collezione Morandi e alla “Anime. Di luogo in luogo” di Boltanski, affiancate dal viaggio tra “Gli affreschi più antichi di Bologna”, alla Rotonda della Madonna dal Monte di via dell'Osservanza. La serata, infine, sarà dominata, ancora, dalla “Krakatoa Fest” del Tpo e dalle esibizioni della “Macondo's Vudstock”, mentre avrà luogo nel pomeriggio, al Fucina 209 di Granarolo, il live della band FuoriTempo, composta dai ragazzi disabili della comunità “L'Arcobaleno”.