Fano, 4 agosto 2016 - Ora è ufficiale, il Consiglio Federale ha deliberato il ritorno degli organici a 60 squadre in Lega Pro: riammesso il Fano, con riserva la Paganese, ripescate Fondi, Forlì, Lupa Roma, Melfi, Olbia, Racing Roma (ex Lupa Castelli) e Vibonese. Fuori la Cavese e il Monza.

Soddisfazione nel clan fanese per questa ammissione di diritto e non ripescati. Il che significa soprattutto con 250mila euro in più nelle casse da investire in una Lega Pro da tenersi stretta con questo tesoretto. In pratica una sentenza annunciata che l’Alma Juventus voleva sentirsi dire. Perché il Fano la sua Lega Pro l’aveva già festeggiata da settimane, ma ora festeggia anche il sentirsi più forte per affrontarla.

Con l’ammissione di diritto che spedisce il Fano a sostituire la rinunciataria Sporting Bellinzago e lascia nelle casse granata quei 250mila euro a fondo perduto che valevano come gabella per l’ultra-discussa tassa di ripescaggio. Gabella che il presidente Claudio Gabellini aveva deciso di pagare e che ora vedrà lui stesso ad essere «ripagato» per il suo incondizionato atto di generosità.

Ecco i tre gironi della Lega Pro:

Girone A: Alessandria, Arezzo, Carrarese, Como, Cremonese, Giana E., Livorno, Lucchese, Lupa Roma, Olbia, Piacenza, Pistoiese, Pontedera, Prato,Pro Piacenza, Racing Roma, Renate, Robur Siena, Tuttocuoio, Viterbese.

Girone B: X, Ancona, Bassano V., Fano, FeralpiSalò, Forlì, Gubbio, Lumezzane, Maceratese, Mantova, Modena, Padova, Parma, Pordenone, Reggiana, Sambenedettese, Santarcangelo, Sudtirol, Teramo, Venezia.

Girone C: Akragas, Casertana, Catania, Catanzaro, Cosenza, Fidelis Andria, Foggia, Fondi, Juve Stabia, Lecce, Matera, MeIfi, Messina, Monopoli, Paganese, Reggina, Siracusa, Taranto, Vibonese, Virtus Francavilla.