Bologna / Ancona / Ascoli / Cesena / Civitanova Marche / Fano / Fermo / Ferrara / Forli / Imola / Macerata / Modena / Pesaro / Ravenna / Reggio Emilia / Rimini / Rovigo

Pedofilo lascia il figlioletto a casa per tentare abuso su un minore

Arrestato ai giardinetti

Un 36enne ha lasciato il figlio di 5 anni da solo per andare all'appuntamento con un ragazzino a cui aveva promesso denaro in cambio di rapporti sessuali

Carabinieri (Olycom)
Carabinieri (Olycom)

Fano (Pesaro Urbino), 1 settembre 2012 - I carabinieri della compagnia dei carabinieri di Fano hanno arrestato per abbandono di persone minori o incapaci e denunciato per tentata violenza sessuale e mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice un 36enne pregiudicato albanese.

I carabinieri lo hanno atteso nei giardinetti di un quartiere situato nell’immediata periferia di Fano dove, il giorno prima, aveva dato appuntamento al minore, incontrato ed agganciato la sera al Lido, al quale, dopo aver parlato del piu’ e del meno, aveva poi proposto in maniera esplicita di avere rapporti sessuali promettendo in cambio di regalargli del denaro.

L’adolescente, che si era finto interessato alla cosa, aveva parlato di quella proposta indecente ai propri amici, qualcuno dei quali lo aveva riferito ai genitori. E’ stato proprio uno di questi a denunciare tutto ai militari, che hanno deciso di recarsi all’appuntamento al posto del minore. Cosi’ il 36enne albanese, U.H., operaio in cassa integrazione e con precedenti penali per abusi sessuali su minori, gia’ noto ai carabinieri della compagnia di Fano, che nel settembre del 2010 lo avevano tratto in arresto per violenza sessuale aggravata perpetrata nei confronti di due bambini di circa 12 anni, e’ stato fermato e poi tratto in arresto con le accuse di abbandono di persone minori o incapaci.

L’uomo infatti, per recarsi ai giardinetti ed incontrare l’adolescente, ha lasciato in casa da solo, mentre la moglie era al lavoro, il figlio piccolo, che ha meno di cinque anni. Inoltre ha violato la misura cautelare del divieto di recarsi nella frazione del Comune di Fano, disposta in seguito al precedente episodio di violenza nei confronti dei due bambini. L’albanese e’ stato condotto nella propria abitazione in regime di arresti domiciliari e nei suoi confronti e’ stata anche richiesta all’Autorita’ giudiziaria l’applicazione della misura della custodia cautelare in carcere.

Condividi l'articolo
Trova aziende e professionisti
Powered by ProntoImprese

  • Notizie Locali
  • il Resto del Carlino:
  • La Nazione
  • Il Giorno
  • Blog
Copyright © 2013 MONRIF NET S.r.l. - Dati societari - P.Iva 12741650159, a company of MONRIF GROUP