Fano (Pesaro e Urbino) 21 ottobre 2017 - C'è preoccupazione tra alcuni genitori, riguardo la sicurezza dei figli nei plessi scolastici fanesi. Dopo gli eventi sismici dello scorso anno ogni segno di incuria fa scattare l'allarme negli istituti cittadini. “Oggi abbiamo il problema della palestra dell'asilo Albero Azzurro afferente alla scuola Gandiglio” dice il consigliere comunale Davide Delvecchio (Udc) che proprio ieri ha raccolto le lamentele di numerosi genitori. “Anche per questa scuola presenteremo una interrogazione in consiglio comunale come gruppi di opposizione – annuncia -. Il preside è stato costretto a chiudere la palestra non potendone avere riconosciuta l'agibilità dal Comune. La struttura presenta problemi infrastrutturali, diversi e rilevanti, già segnalati e noti all'assessorato”. Le immagini parlano chiaro.

I genitori hanno riferito a Delvecchio che “i bimbi di 3, 4 e 5 anni ora debbono fare ginnastica (psico-motricità) nel corridoio o nell'androne d'ingresso con i problemi di correnti d'aria, oggetti e mobili in mezzo ai locali, fornitori di passaggio... Peggio ancora, i bambini con disabilità non hanno più a disposizione il locale palestra dove, con i loro insegnanti di sostegno, facevano le attività individuali”. Il preside Athos Salucci corregge il tiro: “Da un po' di tempo un'aula ha dei problemi. D'estate infatti ci sono stati ulteriori movimenti del terreno e la parete ora risulta più danneggiata. Non ho un parere tecnico che mi dica che è sicura e per questo ho deciso di non utilizzare l'aula e di spostare tutta l'attività motoria nel salone. Ma non è vero che i bambini disabili non facciano attività motoria”. Il preside capisce le preoccupazioni dei genitori, ma anche le difficoltà del comune: “Le risorse per fare i lavori ci sono, ma devono ancora essere liberate – conclude Salucci -. Purtroppo i tempi della burocrazia non sono quelli che vorrebbero i genitori”.

Un problema questo che si aggiunge ad altri evidenziati dall'opposizione in consiglio comunale. “Abbiamo spesso ascoltato dagli assessori Fanesi e Mascarin – scrivono Mirisola (FI), Magrini e Ilari (Progetto Fano), Serfilippi (La Tua Fano) e chiaramente Delvecchio - le lodi per il gran lavoro eseguito nelle scuole di ogni ordine e grado, ma la situazione pessima su molte delle scuole e degli asili”. Esempi lampanti sono “la scuola materna “Gallizi” che avevamo già denunciato” con “intonaci a pezzi e acqua che entrava dagli infissi” e ora “non tanto diversa è la situazione della materna di Falcineto dove i grandi annunci sulla capacità di fare manutenzione non sono bastati per renderla degna di accogliere i bambini. Ancor più grave è che lì sia stato soppresso il servizio di accompagno e sicurezza che svolgeva la protezione civile all’entrata e uscita dei bambini. Una scelta inspiegabile e assurda in una strada trafficata e pericolosa”.

Nel frattempo gli assessori Fanesi e Mascarin fanno sapere che la giunta ha recentemente deliberato l'utilizzo di 15mila euro per i lavori nella scuola Albero Azzurro che partiranno la settimana prossima.