Fano (Pesaro e Urbino) 19 maggio 2017 - Zigzagava ubriaco in autostrada. Tante persone atterrite hanno segnalato quell'autoarticolato che, già verso le 20,30 procedeva a velocità incostante, passando dauna corsia all’altra senza avvisare, addirittura a fari spenti. La sottosezione di Polizia Stradale di Fano che opera in A14 è subito intervenuta, ma prima che il conducente interpretasse l’intimazione di alt da parte delle due pattuglie accorse... sono trascorsi molti chilometri.

Il Tir - composto da un trattore stradale Daf ed un semirimorchio marca Krone entrambi di nazionalità rumena ed appartenenti ad un ditta di trasporti con sede in Suceava SV (Romania), riusciva ad essere definitivamente messo in sicurezza nell’Area di Servizio Esino. Il conducente, un trentenne rumeno, sceso con difficoltà dalla cabina di guida ha da subito manifestato, oltre allo stato di gran difficoltà d’orientamento , una sintomatologia da abuso alcoolemico. Le prove ed i primi accertamenti hanno attestato un tasso di alcool oltre il 2,70 g/l .

Curato al pronto soccorso di Senigallia, il camionista è stato poi indagato in stato di libertà, con immediato contestuale ritiro della patente professionale  finalizzato alla revoca definitiva, fermato il tir oltre alle conseguenze penali:  rischia l'arresto fino ad un anno e mezzo e un'ammenda fino a 9000 euro.