Fano, 9 maggio 2016 - Una nuova truffa scorre sul filo del telefono. Impazzano anche nella nostra città le chiamate dagli operatori del call center collegato al numero di telefono 0277285665, una fitta rete di telefonisti martellanti al limite dello stalking. Tanto che sul database Tellows (il sito internet che dà la possibilità di scoprire la natura dell’intestatario di un numero telefonico e le esperienze che altri membri hanno affrontato e condiviso nella community) viene segnalato dagli internauti come ‘terrorismo telefonico’. Nicoletta mette in guardia i cittadini sul rischio, scrivendo un post nel gruppo Facebook ‘Controllo di vicinato Fano’.

«E’ SQUILLATO il telefono e quando ho risposto – spiega - l’operatore al telefono mi ha detto che risultava avessi pagato troppo sull’ultima bolletta dell’energia elettrica e che dovevo dare i miei estremi e i riferimenti della bolletta stessa. Quando ho chiesto che compagnia rappresentasse mi ha risposto che non era di nessuna compagnia, ma che rappresentava un’agenzia statale. Al che, subodorando la truffa, ho risposto che mi sarei informata perché non ero convinta. Per tutta risposta mi ha detto ‘brava brava informati’ e mi ha buttato giù il telefono. Quindi se vi chiamano con questo numero 0277285665 occhio. Avvertite anche i vostri anziani che sono i più vulnerabili». Radhuoane conferma: «Hanno chiamato anche a me con le stesse modalità, ma grazie alla pagina (https://www.tellows.it/num/0277285665, ndr) già sapevo che era una truffa. Quando gliel’ho detto mi ha risposto male».

A mali estremi estremi estremi rimedi. «Un numero simile – suggerisce Maria Nives – il mio antivirus del cellulare lo ha bloccato».Altri internauti spiegano le varie sfaccettature della truffa e il rischio, che è quello di vedersi rubare dati sensibili che possono essere poi utilizzati persino per accreditare pagamenti di varia natura sul conto corrente di ignari cittadini. «Si sono presentati come ‘Ufficio Nazionale Riduzione dei Costi’ – spiega Giorgio - dicendomi di essere autorizzati in esclusiva dal Governo Italiano, per fare avere dei rimborsi sulla bolletta della luce. Ho chiesto se avessero anche l’autorizzazione del Garante dell’energia, mi hanno risposto di sì. Quando ho detto che li avrei richiamati io, hanno riattaccato». «Mi hanno contattata spacciandosi per Enel – conferma Giorgia - dicendo che avevano da farmi un rimborso di 100 euro sulla bolletta del gas per importo versato e non dovuto, pertanto mi hanno chiesto di verificare i miei dati anagrafici (spesso chiedono il codice Pod, ndr) e quelli della fornitura del gas ma quando mi hanno proposto il rimborso anche sulla bolletta della luce anche se dipendeva da un diverso fornitore, mi sono insospettita e ho contattato il servizio clienti Enel che mi ha detto che è una truffa». Lo fanno un po’ con tutti i gestori...