Fano, 7 dicembre 2016 - È la figlia della titolare della ferramenta Serrallegri di Fossombrone, la bambina protagonista dello spot di Natale Kinder Ferrero che mostra due fratellini attendere con impazienza la festa. «Noi siamo pronti, è Natale?», dice Niccolò 7 anni dopo aver messo le corna da renna ad un cucciolo di cane. Ma c’è ancora da attendere. «Adesso è Natale?», domanda uscendo da un pacco regalo la fanese Gemma, 5 anni, alla sua prima esperienza nel fantasmagorico mondo della pubblicità.

image

«Siamo partiti ‘di botto’ in un mondo sconosciuto – commenta mamma Sonia Serrallegri – per questo, quando ci hanno comunicato che tra tutti i bimbi che avevano partecipato al casting era stata scelta Gemma, avevo più paura io di lei. Non avendo avuto nessuna esperienza nel mondo della pubblicità, ti trovi subito a fare lo spot in tv della Ferrero... Anche quelli dell’agenzia mi hanno detto che siamo partiti dal massimo».

Un colpo di fortuna dietro l’altro, perché la fortuna premia gli audaci. «Quando ero piccola e vedevo i cataloghi dei vestiti e dei giochi con i bambini.... era una cosa che mi sarebbe piaciuta tanto fare. E’ rimasto un sogno irrealizzato perché pensavo ci si arrivasse tramite conoscenze. E invece no. Al casting ci siamo arrivate per caso. Un giorno mio marito mi ha girato su whatsapp una foto di Gemma un po’ sbirulina, spiritosa. L’ho mandata all’agenzia So What di Milano che ho trovato su internet, ma prima mi sono documentata tanto perché non sai mai se fidarti. E niente... loro mi hanno chiamato per fare un book fotografico. Quando eravamo a Milano per queste foto, è arrivata la notizia del casting della Ferrero per lo spot di Natale. Gemma aveva le caratteristiche e l’agenzia ci ha invitato a partecipare».

Mamma Sonia e babbo Federico Falcioni (titolare del Blue Quasar di Marotta) hanno atteso fuori dalla porta durante il provino della piccola Gemma. «Perché lei fa tutto da sola», dicono. Dopo 15 giorni la comunicazione che Gemma era la prescelta. «Ero terrorizzata perché non si poteva tornare indietro: se non lo vuol fare? se non gli piace? se si mette a piangere? Così ho tastato il terreno chiedendole se le sarebbe piaciuto fare una pubblicità e lei di tutta risposta: ‘Tanto a me mamma, se mi devono prendere, mi prendono per la Kinder. Perché sanno che sono golosa di cioccolata’».

Questo il lasciapassare di Gemma per la tre giorni d’avventura a Milano, per girare le pubblicità. «Per noi tutto spesato – conclude Sonia –, per lei regolare contratto di assunzione e licenziamento, con tanto di busta paga... tant’è che ci è toccato pure farle la dichiarazione dei redditi. A Milano Gemma si è divertita tantissimo perché ha subito legato con l’altro bimbo. Anche la regista è stata favolosa: ha lavorato con la bambola di Gemma sulle braccia perché lei la voleva vedere la sua ‘bambina’».

Ed ora i suoi amichetti la trattano come una piccola star, visto che è anche sul catalogo di una ditta di camerette.