Italia news
        

Leggi il giornale         Prova GRATUITA

ASSEMBLEA AFFOLLATISSIMA

Di Ruscio: a San Marco alle Paludi
opere necessarie per il territorio

Il sindaco ha riposto ai cittadini intervenuti all'incontro: "Non è vero che siete stati dimenticati. Molto abbiamo fatto e sono pronti altri progetti"

Dimensione testo Testo molto piccolo Testo piccolo Testo normale Testo grande Testo molto grande
Fermo, 24 gennaio 2008 - Il sindaco Saturnino Di Ruscio è arrivato con le carte e i fascicoli sotto il braccio. S’è portato dietro i documenti per rispondere alla gente, a don Vinicio, a chiunque attaccasse le sue scelte. Il primo intervento tocca proprio a lui, del resto all’Amministrazione competono le scelte più dolorose, al primo cittadino tocca il compito ingrato di indicare il sito migliore per la centrale a biomasse.


Di Ruscio parte da lontano e spiega San Marco vista con gli occhi di un amministratore: "In quella zona una vera progettualità non c’è mai stata, lo scarso sviluppo cui abbiamo assistito è stato quasi casuale e comunque disordinato. Noi, nei limite del possibile, abbiamo cercato di dare una sistemata alle cose, abbiamo ristrutturato la scuola, portato l’illuminazione in zone prima al buie, abbiamo messo il marciapiede che è ancora da piastrellare ma c’è. E poi, partecipiamo alla ristrutturazione del convento così come abbiamo appoggiato la provincia nei lavori di messa in sicurezza della strada, dalle rotatorie ai semafori intelligenti".


Don Vinicio scuote la testa e sottolinea le parole del sindaco: "Sempre poco, qui del resto ci sono solo contadini che non chiedono mai nulla". Di Ruscio intanto passa a parlare del futuro: "Non mi si può dire che il depuratore nasconde interessi privati, le fognature servono a tutti e una struttura del genere deve stare a valle, non la possiamo mica fare in collina. La viabilità che oggi si contesta, con la Mare-monti che è invece uno dei progetti più importanti della nuova provincia di Fermo, è un’ipotesi valutata attentamente con tutti i 40 sindaci del territorio ed è indispensabile per non restare isolati e per rilanciare la nostra economia. Anche il motodromo può avere una valenza pubblica, così come il progetto della centrale rientra in un accordo di programma largamente condiviso sia dal pubblico che dal privato. Oggi, con che faccia ci tiriamo indietro? Che andiamo a dire a tute quelle famiglie che aspettano una ricollocazione lavorativa?".


Poi parla dei sogni e delle possibilità: "Per ogni situazione invasiva siamo sempre pronti a batterci per dare misure compensative al territorio. Per questa zona in particolare si pensa già ad un tessuto residenziale da realizzare attorno all’abbazia, con una piazza, una nuova scuola, spazi per lo sport e l’aggregazione, luoghi pubblici che possano ridare qualità della vita al quartiere".

a.m.










Se il codice risultasse illeggibile CLICCA QUI per generarne un altro

 

LA FOTO DEL GIORNO

Adriana Bartali, moglie di Gino Bartali

Ricordando Gino Bartali

A Servigliano, la moglie (nella foto) e il figlio hanno raccontato di come 'Ginettaccio' salvò la vita a 800 ebrei, 'biciclettando' tra Firenze e Perugia

Mister Blues

Questo pazzo
pazzo mondo

Curiosità dalla Rete

e non solo

a cura di Matteo Leonelli