Fermo, 16 giugno 2017 – L’arte fermana torna a varcare i confini locali e a calcare palcoscenici importanti. Dopo Milano e Roma è la volta di Venezia. Dal 17 giugno al 2 luglio, infatti, la galleria del piano nobile di Palazzo Albrizzi ospiterà le opere di due maestri contemporanei, il pittore Sandro Trotti e lo scultore Giuliano Giuliani, generosamente concesse, rispettivamente, dal Comune di Fermo e da un collezionista privato.

La mostra si intitola ‘ Energia creativa – Tra astrazione e figurazione’, è stata inserita nel circuito ‘Art Night’ e sarà inaugurata sabato 17 giugno alle 18. Gode del patrocinio di Mibact, Regione Veneto, Comune di Fermo, Arcidiocesi di Fermo, Camera di Commercio di Fermo, Associazione Culturale Italo-Tedesca di Venezia, Goethe Institut e Midlands (Sezione Marche), la cui presidente Mirella Ruggeri parteciperà all’inaugurazione.

“Anche la città di Fermo con questo evento espositivo può, senza dubbio, avere una ribalta di tutto rispetto in una sede così prestigiosa”, commenta il sindaco Paolo Calcinaro. È d’accordo l’assessore alla Cultura, Francesco Trasatti: “Un altro nuovo evento che contribuirà a far conoscere e promuovere la città di Fermo, questa mostra rappresenta anche l’opportunità di far incontrare nuovamente e di far incrociare sulle loro strade Fermo e Venezia, intimamente legate da un filo rosso”.

Per Mirella Ruggeri, presidente di Midlands “l’arte fortunatamente è soggettiva, sia per chi la fa sia per chi ne fruisce, da un punto di vista critico è difficile formulare un giudizio di fronte all’arte contemporanea in cui i canoni estetici della classicità sono caduti; si possono esprimere ipotesi o dare freddi dati tecnici, ma io preferisco citare, perché la condivido integralmente, la frase dello scrittore francese Antoine de Saint-Exupery: “Non si vede bene se non con il cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi”.