Porto Sant’Elpidio (Fermo), 20 marzo 2017 - Tre case a luci rosse scoperte, 18 prostitute identificate e due espulse. E’ questo il bilancio dell’ultima operazione messa a segno dagli agenti del commissariato di Fermo. Continuano, infatti, le attività della polizia volte al contrasto della prostituzione su strada e in appartamento lungo la costa fermana, nonché all’indotto criminale collegato a tale fenomeno.

E’ in questo contesto che gli uomini del commissariato e quelli del Reparto prevenzione crimine di Pescara hanno effettuato servizi straordinari di controllo del territorio nel quartiere fermano di Lido Tre Archi e a Porto Sant’Elpidio. A Porto Sant’Elpidio, oltre ad identificare circa 10 ragazze provenienti dalla Romania, in attesa di occasionali clienti lungo la Statale Adriatica, hanno notificato a due di loro il provvedimento di allontanamento dal territorio nazionale emesso dalla Prefettura di Fermo. Le giovani lucciole, note perché identificate nella stessa località mentre esercitavano la prostituzione, dovranno lasciare l’Italia e far rientro in patria.

Sempre per fronteggiare il fenomeno della prostituzione in abitazione, i poliziotti hanno fatto irruzione all’interno di tre case d’appuntamento, situate tutte a Porto Sant’Elpidio, all’interno delle quali sono state identificate otto giovani donne in attesa di clienti. Quattro sono risultate di origine sudamericana, due di origini cinesi e due provenienti dai paesi dell’Est Europa.