Montegiorgio (Fermo), 4 aprile 2017 - Vestiti con la tuta mimetica, passamontagna in testa e asce in mano, erano pronti ad assaltare il supermercato Eurospin “la Coccinella” di Piane di Montegiorgio, ma l’intervento della vigilanza privata e quindi quello dei carabinieri, li ha costretti a fuggire.

E’ accaduto ieri notte in via Faleriense Est. Erano da poco passate le 2,30 quando i componenti della banda sono entrati in azione. Dopo aver scavalcato la recinzione, si sono diretti verso la centralina telefonica per neutralizzare l’allarme. In quel momento è giunto davanti al supermercato un agente delle Fifa Security per un controllo straordinario richiesto dagli stessi titolari del supermercato. Il vigilante ha notato alcune persone che stavano armeggiando e ha puntato i fari dell’auto contro di loro. A quel punto, due di loro si sono diretti verso l’agente con le asce in mano, mentre un altro si è dato alla fuga verso le campagne in direzione del fiume Tenna. Il vigilante, solo contro i due ladri armati, si è messo in sicurezza in auto e nel frattempo, avvisati dalla centrale operativa delle Fifa Security, sul posto sono intervenuti, nel giro di una manciata di minuti, i carabinieri della Compagnia di Montegiorgio.

I malviventi hanno fatto perdere le loro tracce, ma, nel piazzale antistante l’Eurospin, hanno abbandonato un paio di guanti da lavoro e un sacco di sabbia, con il quale avevano tracciato una linea a terra (non si sa ancora per quale motivo). I militari dell’Arma hanno visionato i filmati registrati dalle telecamere della videosorveglianza ed hanno visto che ad agire sono stati in tre, ma sospettano che ci fossero altri due complici pronti ad entrare in azione.

In totale cinque, come i ladri che la scorsa settimana hanno cercato di assaltare l'Eurospin di Villa Sant'Antonio, a Castel Di Lama. I cinque malviventi (sicuramente gli stessi), con tuta mimetica, passamontagna e guanti, hanno tentato di mettere a segno una spaccata. Con un furgone rubato hanno sfondato la vetrina nel negozio in retromarcia, quindi si sono diretti nel vicino ufficio dove sapevano essere contenuta una cassaforte. L'hanno legata con un cavo d'acciaio ad un fiorino, anch'esso rubato, per trasportarla all'esterno dell'Eurospin. Il tutto in meno di quattro minuti. Stavano per caricarla su uno dei due mezzi, quando sentite le sirene dei carabinieri sono scappati a piedi nei campi.