Fermo, 8 giugno 2017 - Il DG Fabio Massimo Conti è stato di parola: nel tardo pomeriggio di ieri ha ufficializzato la firma di mister Destro che, così, come auspicato da tutti e come ampiamente anticipato da tempo su queste colonne, resta al timone della squadra gialloblù per le prossime due stagioni, avendo sottoscritto un contratto biennale. Al suo fianco ci sarà ancora il suo fido vice, Vincenzo Rodia: nelle prossime ore la società completerà lo staff tecnico sanitario.

Poche ma significative le parole del mister dopo il nero su bianco del biennale: «Sono molto soddisfatto  – ha detto – non vedo l’ora di ricominciare a lavorare e di mettermi in gioco in questa nuova e per certi versi affascinante avventura». Della stessa opinione il dg Conti che per primo, mesi fa, aveva scommesso sulla determinazione e la dedizione al lavoro del tecnico di Rivoli: «Era quello che volevamo tutti. Con il mister abbiamo raggiunto un accordo importante sia dal punto di vista tecnico che progettuale. Siamo ancora più carichi e contenti di qualche tempo fa, quando è arrivata la vittoria del campionato, perché questa nuova avventura ci affascina e ci riempie di grinta ed energia. I tifosi della Fermana vedranno una squadra ancor più dedita al lavoro e al sacrificio, una squadra che butterà in campo tutto quello che avrà con grinta, sangue e sudore che saranno i punti di partenza per ben figurare nei professionisti».

Ovviamente anche la «benedizione» del presidente Umberto Simoni: «Con il mister abbiamo avuto un incontro positivo, affrontando insieme diversi aspetti della futura collaborazione, sia sul piano tecnico, umano e organizzativo. Un ottimo punto di partenza. Non resta altro che fargli un grosso in bocca al lupo» ha finito il presidente Simoni. Arrivato nel marzo 2016, mister Destro ha sin da subito convinto e compattato l’ambiente canarino a suon di numeri e risultati. Dopo aver condotto con una cavalcata impressionante nel corso della prima esperienza i canarini ai playoff, persi come si ricorderà in maniera a dir poco sfortunata, al secondo tentativo, battendo squadre ben più blasonate, ha trionfato meritatamente nel girone F della Serie D. Confermarsi tra i professionisti non sarà facile, ma appare del tutto evidente che con la cultura del lavoro che lo contraddistingue farà bene anche in Serie C.