Fermo, 30 aprile 2017 - La Fermana chiude il campionato in casa con una vittoria di misura contro l’Alfonsine che regge l’urto della capolista fino al 39, poi è costretta a cedere alla voglia dei canarini di finire in bellezza davanti ai propri tifosi. I ragazzi di Candeloro ci hanno provato in tutti i modi a strappare il pari senza però mai impensierire il portiere locale. Primo tempo soporifero con ritmi blandi, anche se è la Fermana a provarci subito: bella combinazione D’Angelo Valdes (al 10’) il cui tiro di quest’ultimo fa la barba alla traversa. Poi una lunga fase di stanca con le due formazioni a giocare sul centrocampo.

Al 40’ Fermana vicinissima al gol: da D’Angelo a Fazzini che mette al centro per Valdes che di testa indirizza sotto al traversa con Lombardi che si supera in angolo. Fermana padrona del campo nel finale di tempo e al 43’ sviluppa un’azione spettacolare Valdes ci prova in semi rovesciata, la difesa ospite allontana in affanno e Cremona, sempre in semi rovesciata sfiora la traversa. L’arbitro manda tutti negli spogliatoi, dopo un minuto di recupero. Solo nel finale la Fermana ha premuto sull’acceleratore sfiorando il gol del vantaggio. Nella ripresa mister Destro manda in campo Molinari per Valdes (10’); schiera la squadra con il 4/4/2 e in campo la musica cambia. La Fermana alza il baricentro e inizia una “battaglia” personale tra Molinari e Lombardi. Il bomber canarino su assist di D’Angelo impegna alla respinta il portierino ospite, sulla palla arriva come un treno Cremona che spara a botta sicura ma ancora Lombardi con una splendida parata devia in angolo. Al 23’ ancora Molinari da fuori Lombardi si distende e para a terra. Due minuti più tardi è sempre Molinari che semina avversari come birilli e appena in area esplode il destro, Lombardi non ci arriva ed è salvato dal palo. Molinari si ripete al 33’, risponde presente Lombardi che si ripete sul tapin di D’Angelo. Al 39’, però, Molinari sblocca la gara con una punizione chirurgica che supera la barriera e s’infila sul secondo palo dove stavolta Lombardi non può arrivare. Poi la festa dopo che l’arbitro, su segnalazione del suo collaboratore, ha annullato un gol a Comotto per un sospetto fuorigioco.

FERMANA (4//3/3): Valentini; Clemente, Comotto, Ferrante, Sene; Urbinati, Gadda (35’ st Mandorino), Fazzini (30’ st Amendola); Valdes (10’st Molinari), Cremona, D’Angelo. A disposizione: Bottaluscio, Moretti, Musumeci, Forò, Di Pinto, Margarita.
All. Destro.
ALFONSINE (3/4/3): Lombardi; Rosetti (45’ Di Domenico), Bertoni, Molossi; Sarto, Magri, Manuzzi, Innocenti; Bajarami (45’ st Lombardi), Salomone (18’st Ricci Maccarini), Tosi. A disposizione: Calderoni, Magliozzi, Chamangui, Morelli, Zignani, Mazzoni.
All. Candeloro
Arbitro: Esposito di Aprilia
Reti: 39’ st Molinari
Note: terreno in buone condizioni, spettatori circa 400. Ammoniti: Urbinati, Clemente, Comotto, Gadda (F), Molossi, Magri, Innocenti, Bajrami (A). Angoli quattro a tre per la Fermana; recupero 1+3.