Fermo, 2 settembre 2017 - Fermana-Sambenedettese si gioca regolarmente allo stadio 'Recchioni', come da programma, alle ore 20,30 di domani. Terminati i lavori, ieri mattina la Commissione sui pubblici spettacoli ha rilasciato il nulla osta. «Si è concluso il percorso che avevamo preventivato nei modi e nei tempi - ha detto il sindaco Calcinaro – cosa non semplice visti i momenti difficili, anche per il reperimento delle risorse. Ringrazio l’assessore allo Sport, Scarfini, e i dipendenti comunali che anche nel periodo delle ferie si sono adoperati incessantemente a seguire il corretto avanzamento dei lavori».

Lavori che sono costati al Comune 350 mila euro per garantire la messa a norma dell’impianto cosi come previsto dalle normative per la serie C: ecco allora la recinzione per il prefiltraggio dei tifosi, la messa in opera del circuito di video sorveglianza esterna e interna allo stadio, attraverso una serie di telecamere (ne sono state installate 17) collegate alla sala operativa all’interno dello stadio. Questi i lavori progettati e realizzati, in base alle indicazioni degli enti preposti, prefettura e questura.

La capienza dello stadio è stata ridotta a 7.200 posti (4.000 curva Duomo, 990 distinti Ovest, 990 distinti Est, 360 tribuna centrale, 700 curva Est riservata ai tifosi ospiti, più 160 posti per gli accrediti, stampa radio e tv presso la tribuna Sud), per evitate la posa in opera dei tornelli che avrebbero significato una spesa ulteriore. Alla Fermana è toccata la parte dei lavori di ordinaria amministrazione, vista che gestione in proprio l’impianto, come mettere a norma alcune parti degli spogliatoi, compresa la nuova sala stampa per le interviste del dopo gara.

La società impegnata anche nei lavori di sistemazione della cosiddetta «casetta rossa», avuta in gestione dall’amministrazione comunale, sulla quale sono iniziati i lavori di ripristino dopo anni in cui è rimasta chiusa e dove troverà spazio presidenza e uffici di segreteria della società canarina, oggi «confinati» sotto la tribuna stampa al fianco degli spogliatoi. Insomma, tutto è bene quel che finisce bene: la partita si gioca regolarmente e questo è quello che conta.