Ferrara, 6 febbraio 2018 - Chiuso in un sacchetto e gettato in un cassetto. Come fosse spazzatura. Un gatto è stato trovato moribondo in zona Rivana, come riferisce l’associazione A Coda Alta: «Se è vero che la civiltà di un popolo si misura da come tratta i suoi animali, in questo momento noi volontari dell’associazione ‘A Coda Alta’ siamo estremamente amareggiati e preoccupati per quanto accaduto nella nostra città: in zona Rivana, è stato recuperato un gatto moribondo, chiuso in un sacchetto e gettato in un cassonetto, dopo essere stato probabilmente investito. L’animale – spiegano i volontari – è stato soccorso ed è ora in carico al Gattile Comunale, affidato alle cure di un veterinario di fiducia, che ha riscontrato la frattura della tibia, della coda e di alcune costole, nonchè diversi ematomi. In considerazione della vitalità del gatto e dell’assenza di trauma cranico, nonostante le sue gravi condizioni, supponiamo che sia stato chiuso dentro al sacchetto, gettato come immondizia, quando era assolutamente cosciente e chiaramente ancora vivo: un atto di ordinaria follia e ingiustificabile brutalità. Non conosciamo le circostanze di un tale atto, nè possiamo comprenderne le motivazioni. E’ stata sporta denuncia contro ignoti – chiudono i volontari dell’associazione – per maltrattamento di animale, ma intanto restano un doloroso sconcerto e un’inquietudine profonda nel sapere che, proprio nella nostra Ferrara, sia potuto accadere un evento di tale ferocia e mancanza di empatia verso un altro essere vivente».