Ferrara, 10 giugno 2017 - «Non l’ho uccisa, è nata già morta. Ma non ricordo nulla...». Buio pesto. I ricordi che svaniscono, il fisico che crolla, gli svenimenti e il ricovero in ospedale in fin di vita. Una frase che la quarantenne di Migliarino, da ieri indagata per omicidio aggravato (perché il fatto è commesso in danno di un discendente diretto) e occultamento di cadavere, ha sussurrato fin dal primo momento agli inquirenti prima di indirizzarli nel luogo dell’orrore: dentro il freezer di casa. Lì, in una busta, aveva adagiato il piccolo corpicino (la placenta sarebbe compatibile a sette-otto mesi di gravidanza), quello di una bambina del peso di circa tre chili e di quaranta centimetri di lunghezza. Ieri però, spossatissima nel suo letto della Rianimazione, davanti al pm Isabella Cavallari e al capo della Mobile Andrea Crucianelli, non ha avuto la forza di parlare avvalendosi della facoltà di non rispondere.

«Le sue condizioni – spiegano gli avvocati Monica Guerzoni e Gian Luigi Pieraccini – non sono ancora buone; quando è entrata aveva 2 di emoglobina, situazione quasi incompatibile con la vita. Solo per questo ha deciso di non parlare». Lo farà presto, confidano i legali, non appena si rimetterà.

DRAMMA. Giovedì è il giorno dell’autopsia dalla quale si attende la verità più grande, ovvero se la piccola («sembrava un bambino già finito») quando è venuta alla luce era viva o no. La donna, madre di sei figli, arriva lunedì alle 21.27 in pronto soccorso a Cona. I familiari con lei spiegano che è caduta quattro giorni prima, ha battuto la testa, poi è svenuta. «Già la mattina di lunedì – spiega il capo della Mobile –, era andata dal suo medico di base, ignaro di tutto, perché non stava bene».

Il referto del Sant’Anna parla subito di lesione periorbitale (ben visibile un taglio suturato di alcuni centimetri), compatibile con una caduta. Gli accertamenti successivi però diranno molto di più: c’è una grossa massa nell’addome, la 40enne viene stabilizzata e trasferita in Ostetricia dove si scopre l’aborto. L’ospedale denuncia il tutto alla polizia e mentre partono nella casa di via Travaglio le ricerche del feto ‘scomparso’, la madre si aggrava. Si sveglierà solamente giovedì pomeriggio e indirizzerà gli inquirenti nel luogo dell’orrore.

SERVIZI SOCIALI. Il cordone ombelicale è stato reciso da un taglio netto, cosa che avrebbe fatto la stessa in autonomia. «I familiari – continua Crucianelli – sembravano più che sinceri nell’affermare che nessuno sapeva della gravidanza». La quarantenne, già nel 2010, aveva partorito da sola in casa. «I servizi sociali? – dice ancora – Sono intervenuti solo martedì, dopo la nostra segnalazione». Mai in passato un intervento delle forze dell’ordine in quell’abitazione. Una situazione all’apparenza normale, fino a lunedì. «La storia, – chiude commosso il poliziotto – la triste storia è tutta questa. Il perché lo potremo sapere solo da lei».

MIG_23311315_213603