Ferrara, 16 novembre 2017 - Dovrà essere il sistema bancario, nel suo complesso, a risarcire i risparmiatori azzerati degli istituti di credito colpiti dalle crisi. E il governo, nei prossimi giorni, porterà all’esame del parlamento una legge che istuisce un fondo di solidarietà con cui risarcire «chi è rimasto vittima di malagestio».

Parole con cui il sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta, in Municipio, ha illustrato l’abbozzo di provvedimento ai rappresentanti delle associazioni che riuniscono migliaia di ex azionisti e obbligazionisti. L’incontro, cui ha preso parte anche il sindaco Tiziano Tagliani, ha delineato la cornice dell’intervento del governo, lasciando però aperti tutti gli interrogativi sia in merito alla dotazione finanziaria, sia alle modalità di accesso dei risparmiatori.

«Evidentemente dovranno essere individuati meccanismi che stabiliscono le priorità, iniziando probabilmente con i redditi meno elevati e le situazioni economiche più a rischio», l’anticipazione di Baretta. I tempi per il varo del provvedimento dovranno, comunque, essere rapidissimi.