​L’INDUSTRIA 4.0 coinvolge tutti i settori produttivi e nelle modalità più diverse. Lo dimostra, ad esempio, il caso della Bilt srl, un’interessante e innovativa azienda con sede operativa a Ferrara in via Maestri del Lavoro, produttrice di sistemi per il trattamento dell’acqua. «La nostra – si legge nel sito lasciando trasparire una punta di orgoglio – è una vera e propria missione, in quanto l’acqua è un bene prezioso per il mondo intero e per ogni essere vivente».

DI GRANDE RILIEVO è la speciale bottiglia creata recentemente e prossima ad essere proposta sul mercato. Il titolare dell’azienda è Luigi Ture, tarantino di origine, da 31 anni nella città estense; studi di Giurisprudenza, ha maturato un’esperienza ad ampio raggio in questo settore che lo ha portato, dodici anni fa, a dare vita a questa realtà produttiva che ora conta un fatturato prossimo ai tre milioni di euro e 16 dipendenti. Fa leva anche su tre controllate in Spagna, Austria e Russia che per ora si occupano della sola commercializzazione.

DEL TRATTAMENTO dell’acqua senza calcare, si diceva: la Bilt produce un sistema utilizzato dall’industria del caffè, soprattutto le torrefazioni e i gestori dei distributori automatici. Il buon successo raccolto nel settore lo ha convinto a cercare nuove strade: «Sì, abbiamo creato un prodotto davvero unico – una bottiglia speciale – facendo largo uso di nanotecnologie. Si tratta di un contenitore, da un litro, di plastica argentizzata autosanificante, con qualità battericide. Naturalmente non cede metalli». E’ stata già brevettata? «No, non l’ho brevettata, così nessuno ce la copia».

LA BOTTIGLIA, aggiunge Ture, è utilizzabile anzitutto dai privati «la cui acqua non subirà alcuna contaminazione, non emetterà cattivi odori, potrà essere conservata a lungo senza che la plastica si degradi». A casa, nello zaino, in bicicletta, in auto, insomma la si può tenere ovunque. Se poi nella speciale bottiglia si versa il vino, questo non si tramuterà in aceto, pur senza solfiti. «E poi va da sé che è ideale anche per i ristoratori». A breve sarà posto in vendita on line sul sito aziendale al costo di 9,90 euro. Tecnologie in prima fila, dunque, ma «Il lavoro della nostra azienda, sottolinea Ture, è basato sul lavoro umano. E’ il segreto del nostro successo; la Bilt è elastica. E assume».

L’ASCOLTO delle persone, del mercato nel quale opera e del mondo in generale, si traduce per l’azienda «in un’intensa e scrupolosa attività di ricerca per progettare prodotti innovativi  idonei a sottrarre all’acqua calcare, metalli pesanti o impurità che sono di ostacolo alla salubrità delle bevande. La nostra idea nasce dalla necessità di mettere a disposizione dei nostri clienti sistemi più economici e performanti di quelli già esistenti sul mercato. Facciamo riferimento sia al mercato del Vending sia dell’Ho.re.ca, senza dimenticare la presenza di Bilt in ambito domestico».

PER BILT «La cultura dell’acqua è anche «Vivere Green»; Bilt è infatti iscritta all’Albo nazionale gestori ambientali, rispettando le norme per la salvaguardia dell’ambiente».