Ferrara, 14 giugno 2017 - «Tra i pali proveremo a trattenere Meret, anche se è chiaro che è di proprietà dell’Udinese... Gabriel del Milan? È un profilo interessante, ma per quanto riguarda il portiere aspetteremo un po’ prima di muoverci diversamente».

A margine dell’evento Pitti Immagine di Firenze, mister Leonardo Semplici non si è sottratto a qualche domanda di mercato.

«Su Matri o Iemmello per l’attacco invece dico che andrebbero bene, perché sono giocatori di spessore che hanno un passato importante in serie A o che vi si affacciano in questo momento. Cerchiamo calciatori che abbiano motivazioni per far parte della Spal: intanto Floccari e Antenucci possono fare bene anche in A e saranno confermati, quindi proveremo a completare la rosa con altri due attaccanti. Aquilani e Magnanelli per il centrocampo? Servirà sicuramente esperienza, un mix tra giovani e meno giovani, ma a Ferrara dovranno arrivare calciatori con grandi qualità morali e che possano dare il giusto apporto per allestire una squadra di qualità e conforme alle aspettative. Abbiamo tante idee, e dovremo farle funzionare bene considerando che la Spal non può contare su un grande budget. Io e Baroni in serie A? Ora più che mai sembra che gli allenatori toscani vadano per la maggiore: aspiriamo a diventare come Sarri e Spalletti».

L’allenatore fiorentino quindi frena sul brasiliano Gabriel del Milan, nell’ultima stagione in prestito al Cagliari, continuando a sperare di riuscire ad ottenere di nuovo Alex Meret.

In attacco, la Spal ha messo nel mirino Pietro Iemmello del Sassuolo, che in organico ha pure Alessandro Matri. Entrambe le punte non sono considerate incedibili, quindi i biancazzurri ci possono provare...

È evidente che si tratta di due profili completamente diversi, ma comunque potenzialmente funzionali al progetto della Spal. Relativamente giovane e affamato Iemmello, che nell’ultimo campionato ha realizzato cinque reti nonostante un minutaggio ridotto ai minimi termini, rodato e affidabile Matri, otto gol nell’ultima stagione e 90 in carriera in serie A.

Poi ci sono Alberto Paloschi, molto vicino al Chievo ma fino al momento della firma da non escludere definitivamente, eAnte Budimir, che però sembra destinato a tornare a Crotone.

In casa Sassuolo si guarda anche ai centrocampisti Aquilani e Magnagnelli, ma in cabina di regia piacciono pure Cigarini (obiettivo del Cagliari) e Di Gennaro.

Da Torino continuano ad accostare alla Spal il centrocampista serbo Sasa Lukic, seguito pure dal Crotone. Nel frattempo, si registrano significativi passi avanti nella trattativa per Leonel Vangioni.

L’esterno argentino vuole giocare con continuità e ha capito di non rientrare nei programmi del Milan, che quindi ne agevolerebbe la cessione in prestito. Il nodo è sempre relativo all’ingaggio, troppo oneroso per le casse della Spal: se i rossoneri contribuissero al pagamento, l’operazione potrebbe davvero andare a buon fine regalando a Semplici un giocatore di esperienza e determinato a riscattare una stagione al di sotto delle aspettative (15 gettoni senza lasciare il segno).

In casa Bologna invece la Spal ha preso informazioni sui difensori Daniele Gastaldello e Marios Oikonomou, e i centrocampisti Lorenzo Crisetig ed Erick Pulgar.

Tra i giocatori in uscita, si registra il forte interessamento dell’Ascoli per Nicolas Giani, praticamente già liberato dalla Spal. L’ex capitano biancazzurro viene comunque seguito con attenzione anche dalla Pro Vercelli. Infine, il Cesena continua a corteggiare Mattia Finotto.