Ferrara, 18 marzo 2017 - La Spal sogna il ritorno in serie A e festeggia anche la convocazione in nazionale del giovane portiere Alex Meret, arrivato in prestito dall’Udinese, e che è uno dei protagonisti della stagione d’oro della Spal: a Ferrara, in serie B, ha saputo conquistarsi settimana dopo settimana unanimi consensi a suon di buone prestazioni.

Per la società ferrarese è un fatto epocale visto che le ultime convocazioni di giocatori della Spal in nazionale maggiore (senza contare lo stage della settimana scorsa riservato a giovani leve del futuro in cui era presente il difensore Kevin Bonifazi) risalgono all’inizio degli anni ‘50 con Ottavio Bugatti e Alberto Fontanesi. L’ultimo biancazzurro presente in una partita della nazionale maggiore è stato proprio Fontanesi, in campo il 26 ottobre 1952 nell’amichevole giocata a Stoccolma tra Svezia e Italia. Meret è stato convocato da Ventura, insieme a Buffon e Donnarumma, per le partite contro l’Albania di Palermo e l’amichevole con l’Olanda ad Amsterdam.

"Fa effetto essere convocato in Nazionale: per me è motivo di grande soddisfazione". Sono le parole di Alex Meret, portiere della Spal, vent'anni fra qualche giorno, chiamato dal ct della nazionale Gian Piero Ventura. "È un motivo di orgoglio - ha detto Meret al termine della vittoria della sua Spal sul campo del Carpi - e ricorderò questa giornata. Anche se a onor del vero bisogna dire che c'è stata una serie di infortuni che mi ha consentito di essere chiamato. È bellissimo tornare ad allenarsi con tanti campioni dopo lo stage dell'estate scorsa con Conte. Sono soddisfatto anche se mi dispiace non essere con la Spal domenica in una gara così importante come quella contro il Frosinone. Ma chi sarà scelto per sostituirmi sarà sicuramente all'altezza".