Bertinoro, 8 gennaio 2018 - Un filo d’acqua dal rubinetto del lavello, ancor meno dalla doccia, meglio soprassedere sulla possibilità di accendere la lavatrice: questa è la situazione di grande disagio che gli abitanti di mezzo paese di Santa Maria Nuova Spallicci, la più popolosa frazione di Bertinoro, devono affrontare quotidianamente negli orari di punta e che si è ripresentato puntualmente ieri mattina con rubinetti poco generosi e l’impossibilità di farsi una doccia prima di uscire di casa.

La protesta è esplosa poi sui social, e in particolare sul gruppo Facebook ‘Sei di Santa Maria Nuova se...’, dove molti residenti hanno fatto presente il problema. Una situazione ben nota in paese e che perdura ormai da anni, con momenti di maggior afflusso d’acqua dovuto al miglioramento temporaneo della pressione nelle vetuste tubature che servono la frazione e momenti, i più, di miseri rivoli. La denuncia della famiglia di Sergio Sostaric, un paio di anni fa, fece sollevare il velo su di un problema con cui in tanti convivono oramai con rassegnazione: il sistema idrico del paese non è più adeguato allo scopo, dato l’aumento delle utenze che si è avuto in questi anni.

Per poter risolvere il problema servono interventi strutturali che comprendono un’area ancora più vasta andando a toccare la vicina Forlimpopoli nella sua frazione di San Pietro ai Prati, interventi che sono iniziati alcuni mesi fa, ma di cui non è dato sapere la fine, considerando che si dovranno svolgere in più tranche. Nel frattempo meglio fare la doccia alle 5 di mattino.