Forlì, 20 marzo 2017 - Capolinea Halcombe. L’Enac (ente nazionale aviazione civile) ha revocato alla società Air Romagna i permessi per l’aeroporto Ridolfi di Forlì. Lo ha annunciato su Facebook il deputato Pd Marco Di Maio: “Un passo doveroso dopo oltre due anni di impegni disattesi, illusioni ai limiti della presa in giro come il collegamento Forlì-Washington promesso dall’amministratore unico della società, l’americano Robert Halcombe”.

Halcombe possedeva il 92% di Air Romagna. Da settembre i dipendenti non ricevevano lo stipendio e, di fatto, tutto si era fermato. Ancora nello scorso autunno, aveva promesso di aprire a gennaio.

In questo momento, il Ridolfi torna in mano a Enac. Di Maio guarda già al futuro: “Ora occorre lavorare in maniera compatta per ottenere un nuovo bando per la gestione dello scalo: sarà un modo per dare un’ultima chance all’aeroporto, per verificare l’effettiva volontà dei diversi privati che si dicono seriamente interessati, per provare a fare del Ridolfi ciò che apparirebbe come naturale, ovvero la seconda pista dell’aeroporto di Bologna”.