Forlì, 23 novembre 2017 – Gianfranco Marzocchi non farà un secondo mandato come presidente di Livia Tellus. Lo ha comunicato lui stesso a Mauro Grandini, sindaco di Forlimpopoli e presidente del coordinamento dei soci della società partecipata. Gianfranco Marzocchi è uno dei tre indagati dellinchiesta sul suo stesso stipendio, aumentato da 8mila a 32mila euro, e accusato di abuso d’ufficio e falso ideologico (insieme al sindaco Davide Drei e al direttore generale Vittorio Severi). Marzocchi ha dato la propria indisponibilità alla rielezione, che doveva essere decisa dai 15 comuni del Forlivese. È «strettamente correlata alle vicende delle ultime settimane ed al mancato consenso unanime da parte dei soci». In un primo momento la scadenza era venerdì 24 novembre, poi rinviata al 6 dicembre.

Il sindaco Drei, che parla di «rammarico» ed è indagato per gli stessi reati, ne tesse – in una nota – gli elogi: «Sono convinto che gli importanti risultati sin qui ottenuti, ed in via di ottenimento (in ordine alla redditività delle società a beneficio dei Comuni, alla razionalizzazione e agli interventi su ereditate situazioni societarie critiche e a progetti innovativi e strategici di rilevanza nazionale), confermino la bontà della scelta che ci aveva portato ad individuare in Marzocchi la figura adatta a ricoprire tale ruolo. Ringraziandolo per il lavoro svolto fino ad ora auspico, anche in prospettiva che la sua esperienza e la sua professionalità possano essere utili alla vita della nostra comunità. Gianfranco Marzocchi è stato un primo artefice e un fondamentale punto di riferimento della nuova società dei rifiuti Alea Ambiente».

Mauro Grandini aggiunge: «Siamo ora chiamati a individuare nuove figure che possano garantire la continuità».