Forlì, 10 novembre 2017 - Mattinata forlivese, quella di venerdì, per il segretario nazionale del Pd Matteo Renzi (FOTO). Il 42enne toscano è arrivato alla stazione di Forlì poco prima delle 11, venendo accolto da circa duecento persone.

«Dai Matteo, tieni duro», è stato l’invito che gli hanno rivolto gli elettori dem una volta sceso, insieme al segretario territoriale Valentina Ancarani. Il segretario Pd sta girando il Paese a bordo del treno ‘Destinazione Italia’. In un secondo momento Renzi ha visitato l’Emporio della solidarietà e il Comitato per la lotta contro la fame nel mondo. Renzi è stato guidato all’interno delle due strutture, dal presidente della Caritas, Sauro Bandi, e dal presidente del Comitato contro la fame nel mondo, Davide Rosetti, visitando tutti gli spazi e incontrando i volontari. Rosetti gli ha poi consegnato due libri di lettere di Annalena Tonelli.

«Annalena Tonelli – ha detto Renzi – ha segnato la nostra generazione. Nel momento dell’omicidio io ero boy scout e mi sono avvicinato alla sua storia. Qui vediamo le nuove generazioni che portano avanti il progetto e il sogno di Annalena, che ha segnato persone totalmente diverse». A segnalargli le due strutture da visitare è stato il deputato Pd Marco Di Maio. «Il Di Maio che non scappa», ha ironizzato Renzi, riferendosi al mancato faccia a faccia televisivo su La 7 con il leader dei 5 Stelle Luigi Di Maio, saltato per volontà di quest’ultimo.