Forlì, 12 febbraio 2018 – Bella vittoria dell’Unieuro che, dopo il successo infrasettimanale contro Roseto, fa il bis, battendo sulle tavole amiche del Palafiera la XL Extralight Montegranaro: 95-84 il finale di una gara giocata in maniera sontuosa dalla squadra di coach Valli.

Sin dall’avvio, sono i marchigiani a prendere il controllo delle operazioni: trascinati da un ficcante Powell, i gialloblu si portano avanti in doppia cifra dopo appena 3’ (2-12). La reazione forlivese, però, non si fa attendere e con nove punti pressoché consecutivi di Bonacini, l’Unieuro impatta sul 23 pari al minuto 8.

Il secondo quarto è un valzer di sorpassi e controsorpassi, ma a caratterizzare il quarto è l’enorme quantita di palle perse da entrambe le formazioni. Montegranaro, a più riprese, riesce a trovare buone soluzioni in contropiede, ma fatica terribilmente contro la zona messa in campo da coach Valli; dall’altra parte Forlì continua a trovare buone soluzioni sia dall’arco che nel pitturato. All’intervallo il tabellone segna un 46 pari che rispecchia fedelmente quanto visto nel primo tempo.

Dopo la pausa lunga, l’Unieuro torna in campo col giusto piglio, trovando con Jackson e Diliegro buone soluzioni dal campo. Gli ospiti continuano ad appoggiarsi ai loro americani, soprattutto ad un Powell che, però, spende prematuramente il suo quarto fallo. Sull’azione successiva, la bomba di Jackson vale il 62-56 al 25’, facendo suonare campanelli d’allarme in casa Montegranaro. Infatti, i gialloblù si inchiodano, mentre Forlì vola sulle ali dell’entusiasmo: la bomba di Fallucca vale il 73-58 al 28’.

Il rientro nella partita di Powell crea grattacapi ai biancorossi, con il lungo ameriano che torna a far male nel pitturato biancorosso e Corbett che continua a martellare dall’arco. Bastano così poco più di tre minuti, ai marchigiani, per tornare con veemenza dentro al match (80-75 al 34’). Questa volta, però, l’epilogo deve essere diverso: Bonacini smazza un paio di palloni d’oro, prima Diliegro in avvicinamento, poi Jackson dall’angolo siglano l’uno-due che tramortisce definitivamente gli ospiti (90-78 al 36’).

Valerio Rustignoli