Imola, 17 luglio 2017 - L’Andrea Costa 2017/2018 sta prendendo forma. Plasmata secondo le direttive del nuovo coach Demis Cavina, la squadra biancorossa si presenta al momento con tanta gioventù e pronta ad accogliere i due americani che dovranno garantire qualità tecnica e continuità nel corso di una stagione dove l’obiettivo resta la salvezza in un girone dove ci saranno ben 3 matricole se Cremona sarà ripescata in serie A.

Nel taccuino del coach imolese in cima alla lista c’è il nome di Derrick Marks. La guardia ex Ravenna è ben conosciuto da Cavina che lo ha allenato a Tortona nell’annata 2015/2016 e che, conoscendolo bene, sa di potersi affidare alle sue doti da finalizzatore, messe in mostra anche la scorsa stagione all’OraSì. E di certo non mancherà la voglia di far bene, altro elemento cercato dalla panchina biancorossa, con Marks che a causa di un infortunio, ha dovuto saltare gran parte degli ultimi playoff faticosamente conquistati con Ravenna in una stagione straordinaria per il club romagnolo che in semifinale è stato eliminato dalla Virtus Bologna. Se l’affare Marks andasse in porto, Imola avrebbe trovato dunque il suo leader tecnico e inserito un ulteriore tassello in un mercato che sta filando tutto sommato liscio e ampiamente secondo le previsioni degli addetti ai lavori. 
        
Per quanto riguarda il settore dei giocatori italiani, si continua a lavorare per rendere la squadra un po’ più lunga rispetto ai 7/8 atleti previsti inizialmente, il tutto per essere in grado di poter esprimere una pallacanestro fatta di intensità e ritmi alti. Caratteriche che fanno di Lorenzo Penna il ragazzo giusto al posto giusto. Il giovane playmaker proveniente dalla V nera arriva da una ottima stagione come seconda linea ed ora deve confermarsi in una realtà dove gli sono chieste maggiori responsabilità. Penna e il lungo Alessandro Simioni hanno appenna conquistato la medaglia d’argento ai campionati mondiali under19 e con il loro entusiasmo dovranno contaggiare il resto del gruppo.

Servirà, poi, piazzare sotto canestro il giusto tassello del secondo americano. Provando a tracciarne l’identikit, servirà un giocatore in grado di garantire una bella dose di fisicità sotto canestro, sia per supportare il minutaggio sicuramente ridotto di Michele Maggioli e sia per sopperire alle inevitabili lacune che potranno capitare ai più giovani Simioni e Rossi. Un giocatore alla Leonard Washington per capirci, in grado di saper abbinare grande dinamismo e stazza sotto canestro, oltre che mostrare una discreta capacità balistica. In termini pratici la sua identità precisa deve ancora essere individuata, ma conoscendo le attitudini di Cavina potrebbe essere un «rookie» del campionato italiano pronto a mettere in campo la propria voglia di farsi notare in campionato che catapulta sempre più giocatori nelle leghe maggiori. Il tempo comunque è dalla parte dell’Andrea Costa dato che la preparazione prenderà il via dal 13 agosto.

Nel frattempo proseguirà fino a venerdì il periodo di prelazione che la società ha riservato ai vecchi abbonati, senza dimenticare lo sconto del 10%, sempre riservato a chi aveva già sottoscritto la tessera nella scorsa stagione, che durerà fino alla fine di luglio. Dando uno sguardo agli ex biancorossi, proseguirà in Francia la carriera europea di Karvel Anderson, con l’americano che si accaserà la prossima stagione in Francia allo Strasburgo.