Castel San Pietro, 20 aprile 2017 - «Very Wine è una splendida opportunità che mette davvero in vetrina il nostro territorio e in rete le realtà vinicole di questa terra, per questo non abbiamo esitato un attimo ad accogliere l’invito di aprire le nostre cantine alla visita del pubblico». Le parole sono di Annalisa Rinaldi della famiglia Dalfiume (marchi Dalfiume Nobilvini e Villa Poggiolo), ma sono anche le stesse parole che pronunciano poco più tardi anche Nicola Marrano e Marianna Noia della cantina Fratta Minore.

Basta ascoltare le voci di due tra le cantine che saranno protagoniste a questo week end lungo del vino in riva al Sillaro per capire che «coesione, collaborazione e sinergia tra territorio, produttori e cittadini» non sono termini validi per uno spot politicamente corretto, ma sono davvero l’estratto di un pensiero che accomuna le cantine castellane in un periodo peraltro non semplicissimo, e cioè a poche ore dalla grandinata che, ammettono sia Annalisa Rinaldi che Nicola Marrano e Marianna Noia, «hanno indubbiamente fatto danni ai vigneti», ma, dicono in coro, «la natura sa essere tanto impietosa quanto generosa, e visto che il tempo per riprendersi c’è, siamo speranzosi e fiduciosi».

Occorre positività, occorre quello spirito che in fondo le cantine hanno messo in queste ultime settimane per vestirsi a festa in occasione dell’evento castellano dedicato al vino. Domani sera alla Fratta Minore è pronta una «degustazione dei nostri vini, albana, sangiovese e lo spumante a metodo classico Dama Bianca, che abbiamo voluto abbinare a un menù a base di squacquerone, tanto per restare nel territorio dove nasciamo, produciamo e nel quale ci identifichiamo», spiegano Nicola e Marianna, che hanno già ricevuto adesioni per la serata (prenotazioni allo 051-6951807).

La Dalfiume, con i marchi Nobilvini e Villa Poggiolo, si farà invece addirittura in tre in occasione del lungo week-end. Cena a prenotazione (339-6052430) domani sera sia negli spazi della bottaia che in sala degustazione intitolata «Vino Y Alma latina», con un finale tutto da ballare a ritmo di reggaeton, poi sabato ‘trasloco’ in via Viara a Villa Poggiolo con l’evento «Pane, vino e arrosticini» e domenica replica sempre alla Villa con un «Cocktail-Party in vigna, aspettando l’estate». Se la grandine mette paura, insomma, meglio esorcizzarla brindandoci su.