Imola, 23 novembre 2017 – Ci sarà anche l’imolese Matteo Coralli tra gli undici top pasticceri provenienti da tutta la regione alla prestigiosa manifestazione Sweet Bologna che si terrà dal 24 al 26 novembre in piazza Re Enzo, nel capoluogo emiliano.

Si tratta di un evento che svela sapori e colori della pasticceria moderna. Invitato all’evento da Confartigianato Imprese Bologna Metropolitana, che promuove l’evento insieme a Confindustria Area Emilia Centro, Coralli sfiderà i colleghi su due tipi di dolci: una rivisitazione della torta di riso e una inventata per l’occasione che abbia come ingredienti prodotti emiliano romagnoli. A giudicare saranno il pubblico (che potrà acquistare un carnet degustazione a 15 euro) e una giuria di esperti.

“Sweet Bologna è un’occasione per promuovere al grande pubblico l’alimentare di qualità che trova nell’artigianato le sue eccellenze - dichiara Amilcare Renzi, segretario di Confartigianato Imprese Bologna Metropolitana -. Siamo nel cuore di Bologna, centro di un territorio metropolitano in cui è forte la tradizione gastronomica, figlia della passione che noi artigiani mettiamo nel lavoro di tutti i giorni. Siamo da sempre impegnati nella valorizzazione del comparto alimentare che impiega professionalità materie prime sicure e tracciabili, che rispetta ogni normativa per salvaguardare la salute dei consumatori”.

Dopo gli esordi in importanti ristoranti in Italia e Francia, tra cui il pluristellato San Domenico, il pasticcere imolese ha aperto il Dulcis Cafè nel 2004. “Dopo vari esperimenti, ho già pronta la mia rivisitazione in chiave moderna della torta di riso come dolce servito al piatto da ristorante e sono molto soddisfatto - commenta Matteo Coralli -. Sono in fase di creazione della torta originale; anche qui ho le idee chiare, ma devo ancora fare qualche esperimento. Un’anticipazione? Dev'essere una sorpresa per tutti, venite a Sweet Bologna. Posso solo dire che rispecchia la mia filosofia: cerco sempre una materia prima di qualità, di valorizzare i prodotti del territorio e di rispettare la stagionalità. Allo stesso tempo voglio proporre i miei dolci sotto un punto di vista più moderno, nuovo e sfizioso. Le mie creazioni devono essere come il dessert da grande ristorazione: semplice, però presentata in maniera più accattivante e innovativa... insomma diversa”.

Del territorio imolese sarà presente anche l ’azienda vinicola Dalfiume Nobilvini di Castel San Pietro con la Tenuta Il Poggiolo. “Crediamo nel connubio tra eccellenze e territorio, ben rappresentato da questi pasticceri, ma anche da un settore vitivinicolo importante come il nostro - conclude Annalisa Rinaldi della Dalfiume Nobilvini -. La nostra azienda, da ormai tre generazioni, crede che la via maestra sia quella della qualità: questa manifestazione si sposa alla perfezione con questa filosofia”.