Imola, 21 dicembre 2017 - Biglietti esauriti (sono disponibili solo posti in lista d’attesa) per ‘ Loving Ella’, che andrà in scena mercoledì 27 dicembre alle 17.30 al Teatro Ebe Stignani, lo spettacolo di Simona Molinari in omaggio al centennale della nascita di Ella Fitzgerald. Il concerto sarà il regalo natalizio offerto come ogni anno dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Imola, con la direzione artistica di Emilia Romagna Festival.

Ella Fitzgerald, detta “Mamma Jazz”, una delle più influenti cantanti di tutti i tempi, magistrale nell’uso della voce, nell’invenzione e nell’improvvisazione, uscì dal nulla degli orfanotrofi dei quartieri poveri di New York per infiammare il mondo con la sua voce. In pochissimo tempo arrivò, dalle scene dei miseri teatri, ai dischi e alle raccolte dove ancora riverbera il suo talento. La vita controversa e gli amori difficili, da un lato, i 40 milioni di album e una serie di compositori a sua disposizione, da Gershwin a Porter, da Berlin a Ellington, dall’altro. Ella Fitzgerald è stata assieme a Billie Holiday e Sarah Vaughan una delle più grandi cantanti jazz di sempre.

Loving Ella è un progetto nato nel 2017 per il centennale della nascita di Ella Fitzgerald, che Simona Molinari ha voluto regalare prima che al pubblico, innanzitutto a se stessa. Il concerto si articolerà in un viaggio narrativo in cui Simona Molinari porterà in scena le canzoni che hanno caratterizzato la carriera della cantante e alcuni aneddoti biografici della controversa vita privata di Ella Fitzgerald: gli inizi, gli amori, le passioni, la malattia. Uno spettacolo che sarà un’esperienza di viaggio alla scoperta del mondo interiore ed esteriore di quella che veniva definita: “First Lady of Song”. All’interno del concerto Simona inserirà anche alcuni dei suoi brani più significativi, in modo da mostrare in che modo la musica di Ella abbia contribuito al suo stile. “Ho inzuppato le mani in tutti i vinili più belli di Ella, mi sono imbattuta in Duke Ellington, Ghershwin, Jobim, Cole Porter e ho scelto le cose che mi hanno colpito di più, quelle che mi hanno toccato il cuore”.

Sarà accompagnata nello spettacolo da alcuni grandi musicisti, sodali di vecchia data. Fabio Colella, alla batteria, vanta numerose collaborazioni, tra cui quelle con Franco Cerri, Fabrizio Bosso, Ornella Vanoni e Peter Cincotti; Fabrizio Pierleoni, al contrabbasso, che dopo aver girato il mondo collabora attualmente con diversi gruppi, tra i quali il “Bamba Quartet”, con un progetto di musica brasiliana chiamato “Diapason Latin Orchestra”; Gian Piero Lo Piccolo, sax e clarinetto, che solo di recente si è unito al gruppo; e Claudio Filippini al pianoforte, che ha frequentato tutti i festival jazz più importanti, dall’Umbria Jazz all’America profonda, arrivando a suonare con musicisti del calibro di Bollani o Herbie Hancock e vincendo premi importanti. Ha accompagnato Mario Biondi nei tour e nelle apparizioni televisive.