Imola, 8 settembre 2017–Entrerà in funzione il 15 settembre il nuovo servizio di trasporto pubblico che servirà il centro storico. Per un periodo sperimentale fino al 30 giugno, la linea 5 – operativa dal lunedì al sabato con una cadenza di 20 minuti - si integrerà alle linee 1 e 3 che toccano i quartieri Pedagna e Zolino. Di conseguenza, i percorsi di queste due linee subiranno le seguenti modifiche: non transiteranno più dal centro, ma percorreranno sia all’andata che al ritorno viale Carducci e viale De Amicis, sulla vecchia circonvallazione.

«L’obiettivo è migliorare l’accessibilità al centro storico – spiega il vicesindaco Roberto Visani -. Si tratta dell’ultimo step del percorso, iniziato nel 2016, che ha portato alla pedonalizzazione di via Appia, che diventa quindi definitiva». Per cui, «nel rispetto delle nuove aree pedonali, è stato individuato un nuovo tracciato per il trasporto pubblico». Ci saranno delle zone di interconnessione tra le linee 1, 3, 5, in modo che gli imolesi possano scendere da un autobus e salire su quello di un’altra linea senza impazzire.

La linea 5 – costituita da un mezzo elettrico di 7,5 metri di lunghezza, con 7 posti seduti e 18 in piedi e dotato di pedana per disabili ad azionamento meccanico - toccherà alcune zone sotto l’Orologio mai servite, prima d’ora, dal trasporto pubblico. La stazione dei treni rappresenta la partenza e il capolinea. Ecco il percorso: viale Andrea Costa, viale Carducci, piazza Savonarola, via Orsini, via Cavour, viale Carducci, viale Amendola, via Emilia, via XX Settembre, via Garibaldi, via Mazzini, viale Dante, viale Zappi, via Emilia est, via Selice, viale De Amicis, viale Andrea Costa. Lungo il tragitto verranno inserite sette nuove fermate: piazza Savonarola 20, via Cavour 40, via Emilia 27A, via XX Settembre 29B, via Mazzini 57, via Emilia 306A, via Selice 47. In tutto saranno 18 fermate.

Come detto, il servizio avrà una cadenza di 20 minuti e sarà operativo la mattina, dalle 8.30 alle 12.48, e il pomeriggio dalle 17 alle 18.58. Inoltre, per garantire ogni 15 minuti un servizio dalla stazione ferroviaria verso l’ospedale nuovo e la Pedagna, le linee 1 e 3 partiranno (dalla stazione) ai 25 e 55 minuti di ogni ora (adesso partono ai 10 e ai 40 minuti), sfalsate di un quarto d’ora dalla linea 4. Infatti i treni arrivano da Bologna ogni mezz’ora circa, per cui al momento i pendolari, in caso di ritardo, perdono la coincidenza con l’autobus. Dal 15 settembre, invece, anche se non si riuscisse a salire in tempo sul bus, si aspetterebbero 15 minuti (non più 30) per quello successivo. Le modifiche sono state decise coinvolgendo i cittadini che ogni giorno si recano alla stazione di Imola per andare a lavoro o a scuola.

Non cambia niente, invece, per la linea 4, mentre la linea 44 (diretta a Castel del Rio) si trasforma in 104. Durante l’anno, Tper effettuerà due monitoraggi per verificare l’utilizzo della nuova linea, che avrà un costo (a carico del Comune) di 20mila euro per i primi quattro mesi del 2017 e di 30mila euro per i successivi sei mesi.