Imola, 20 marzo 2017 - «Il problema del decoro urbano nelle vie del centro persiste e si aggrava. Dopo esserci rimboccati le maniche per lavare l’arco di via IX Febbraio direttamente con mano nostra assieme ai residenti, in segno di protesta all’immobilismo di chi governa, ancora una volta rimaniamo sconcertati dall’atteggiamento della Giunta». Nicolas Vacchi (Insieme si vince) torna alla carica sul degrado nelle vie IX Febbraio e Giovanni da Imola, in pieno centro storico. In questi giorni, il civico di opposizione ha ricevuto dal vicesindaco Roberto Visani la risposta alla sua interrogazione relativa proprio al decoro urbano delle due arterie, un tema sul quale a novembre anche il Consiglio comunale si è mosso con una mozione che chiedeva più pulizia e maggiore sicurezza in quell’area.

Le strade in questione «vengono pulite regolarmente per cinque giorni alla settimana», assicura Visani reduce da un confronto con Hera Ambiente. E dai monitoraggi portati avanti in seguito all’approvazione del documento da parte dell’aula, «non si sono riscontrate particolari criticità in merito allo spazzamento e rifiuti abbandonati – prosegue il vicesindaco rispondendo ai dubbi sollevati da Vacchi –. Unico problema rilevato durante le verifiche è quello dei miasmi di urina che, anche a basse temperature, si percepiscono nel transitare».

Cattivi odori dovuti «all’uso improprio che viene fatto dei muri – ammette Visani –, utilizzati come orinatoio».

Le rassicurazioni del vicesindaco non soddisfano però, come accennato all’inizio, il consigliere comunale di opposizione, che parla di «risposta quantomeno superficiale». E attacca: «Le vie Giovanni da Imola e via IX Febbraio vengono regolarmente pulite? La pensano diversamente i residenti che quotidianamente si ritrovano ad attraversare un campo minato di urina, feci (non di animali), vomito e rifiuti che costellano la pubblica via». A questo punto, «visto che il vicesindaco sembra non capire il bisogno specifico di intervenire su questa problematica – prosegue Vacchi –, insieme ad un gruppo di residenti già totalmente sfiduciati ed arrabbiati cercheremo nei prossimi giorni un incontro faccia a faccia con Visani, magari anche sul luogo. Per fargli toccare con mano il problema che esiste ed è reale. Una Giunta che si dica efficiente ha il dovere di risolvere questo problema di decoro e igiene pubblica».