Imola, 7 agosto 2017 - Al fine di incentivare gli studi su Benvenuto da Imola, uno dei primi e più autorevoli commentatori della Divina Commedia di Dante Alighieri e personaggio di notevole rilievo nel panorama letterario trecentesco in Italia e in Europa, l'Amministrazione comunale di Imola ha approvato la sottoscrizione di un accordo con il CESBI (Centro di Studi su Benvenuto da Imola), associazione di recente costituzione promossa da docenti universitari al fine di realizzare incontri e convegni e di incentivare gli studi sull’argomento tramite l’erogazione di un premio a vincitore di apposito bando.

"È un nuovo progetto, per il quale abbiamo ottenuto anche il sostegno dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Imola, estremamente qualificante per nostra città - dichiara Elisabetta Marchetti, assessore alla cultura del Comune di Imola -. La collaborazione con il CESBI, che diventerà ben presto punto di riferimento per gli studi su Benvenuto da Imola, permetterà di valorizzare a livello internazionale la figura di Benvenuto attraverso una serie di attività che troveranno sede naturale nella nostra Biblioteca comunale. Questo progetto intendiamo collocarlo anche in un percorso più ampio, che a livello nazionale si sta realizzando, in previsione del 2021, anno nel quale si celebrerà il VII centenario della morte di Dante avvenuta a Ravenna nel 1321. La convenzione con il CESBI, di durata triennale, ha l'obiettivo di rafforzare la collaborazione con la ricerca universitaria, dando impulso agli studi su Benvenuto". 

Nell'ambito della convenzione è prevista la realizzazione di un convegno di studi, che si terrà a Imola presso la Biblioteca comunale a ottobre, e l'istituzione di un premio per tesi di laurea di 1.000 € che, nella sua prima edizione per il corrente anno, sarà destinato alla migliore tesi di laurea magistrale riguardante la figura, l’opera e la fortuna di Benvenuto da Imola, discussa in Università italiane dall’anno accademico 2014-2015".

Il bando per il premio sarà pubblicato nel sito del comune di Imola (www.comune.imola.bo.it) con scadenza 9 settembre 2017. Nel consiglio direttivo del Centro studi su Benvenuto da Imola fanno parte la Prof. Giuseppina Brunetti (Università di Bologna), il Prof. Luca Carlo Rossi (Università di Bergamo), il prof. Luca Petoletti (Università Cattolica di Milano), ed è sostenuto da un comitato scientifico di docenti di università italiane e straniere.

La Biblioteca comunale di Imola, che conserva un ricco patrimonio di forte connotazione storica e svolge un ruolo di conservazione della documentazione locale, già in passato ha intrecciato collaborazioni con il mondo della ricerca scientifica e universitaria su questo tema. Nel maggio del 2006 una giornata di studi ha coinvolto i maggiori esperti nazionali in materia. Ancora prima, nel 1989 si è svolto presso la Biblioteca comunale un convegno, i cui atti sono stati stampati nel volume Benvenuto da Imola lettore degli antichi e dei moderni rappresentando un punto fermo negli studi su Benvenuto.

La Biblioteca di Imola conserva alcuni interessanti codici benvenutiani e di famiglia imolese era anche l’avvocato Giovanni Tamburini, presidente dell’Accademia degli industriosi, autore di una prima traduzione ottocentesca, edita dalla tipografia Galeati, del Comentum di Benvenuto a Dante. Ricordiamo infine che nel 2004, per volontà della famiglia, sono stata destinati alla Biblioteca i libri del prof. Andrea Ciotti, docente di materie letterarie e successivamente preside nei licei imolesi, acuto studioso di Dante e di Benvenuto da Imola. Questa ricca documentazione viene annualmente incrementata con l'acquisizione delle pubblicazioni più recenti su Benvenuto da Imola editi in monografie e riviste specializzate fornendo in questo modo un aggiornato supporto alla ricerca.

Informazioni:
Assessorato alla Cultura e Promozione della Città, Centro Cittadino (2° piano), piazza Gramsci, 21, assessore.marchetti@comune.imola.bo.it 0542/602410; Bim Biblioteca comunale di Imola Via Emilia, 80 Imola tel. 0542 /602696 bim@comune.imola.bo.it