Imola, 9 ottobre 2017 - Il ricco mese di ottobre dell'Enzo e Dino Ferrari, iniziato con il Gruppo Peroni Race e pronto a proseguire nelle prossime tre settimane all'insegna delle emissioni zero con il Giro dei Tre Monti, l'Ev Show e la Mezza maratona d'Italia, ha vissuto lo scorso weekend tre giorni tutti dedicati al Cavallino.

Condizioni ottimali di temperatura di aria e asfalto hanno accompagnato la giornata conclusiva del Ferrari Challenge Europe, in programma appunto in autodromo Come il sabato, anche la domenica ha visto lo svolgimento di qualifiche e gare per le due categorie impegnate, il Trofeo Pirelli e la Coppa Shell. In quest’ultima da segnalare il successo della giovane pilota del Liechtenstein, Fabienne Wohlwend, che ha realizzato una duplice impresa da record: prima donna iscritta all’intero campionato a conquistare pole position e vittoria in gara.

Come in gara 1, anche in gara 2 del Trofeo Pirelli non ci si è certo annoiati. Il primo colpo di scena quando Daniele Di Amato non è partito dalla terza casella conquistata in qualifica per un problema tecnico. Per conquistare il titolo aveva bisogno di concludere la gara e il suo team è stato in grado di farlo ripartire permettendogli di aggiudicarsi il titolo. Il secondo colpo di scena ha visto protagonisti Bjorn Grossmann, vincitore sabato, e Philipp Baron. Tra i due subito scintille con Baron che ha operato l’attacco vincente all’inizio del secondo giro. Grossmann non c’è stato e nel tentativo di replicare ha toccato il rivale, che è andato in testacoda e poi contro le protezioni. Baron out ma anche per Grossmann è finito il sogno della doppietta visto che la Direzione Gara lo ha penalizzato con un drive-through, chiudendo poi nono.La vittoria se la sono così giocata Sam Smeeth e Jens Liebhauser, con il britannico che ha controllato con abilità i tentativi del rivale tedesco. Terzo gradino del podio per lo svedese Martin Nelson che, come in gara 1, è riuscito ad avere la meglio sul britannico Chris Froggatt.

Come detto, successo al femminile, il primo nella storia del Ferrari Challenge, nella gara 2 della Coppa Shell. A siglare l’impresa la giovane Fabienne Wohlwend. Il successo l’ha costruito conquistando la pole postion nella sessione di qualifica del mattino. In gara è stata brava e determinata a resistere ai continui attacchi di Henry Hassid, vincitore della gara del sabato, che le ha messo addosso tanta pressione senza però avere mai una chiara occasione di sorpasso. Sul terzo gradino del podio è salito nuovamente il danese Johnny Laursen, che nelle prime fasi ha provato a tenere il ritmo dei due avversari, perdendo poi progressivamente terreno e dovendosi accontentare della terza posizione. Alle sue spalle battaglia accanita tra l’olandese Fons Scheltema e l’italiana Manuela Gostner, con il primo che si è dovuto davvero impegnare a fondo per riuscire a prevalere sull’arrembante altoatesina.