Colmurano (Macerata), 6 settembre 2017 – Avrebbe minacciato con un coltello da cucina la madre e i nonni, ultraottantenni, per cercare di strappare alla coppia di vecchietti 200 euro della pensione e comprarci l’eroina. È stato così arrestato il 26enne maceratese Michele Pantanetti e ora dovrà rispondere alle accuse di tentata rapina, violenza privata e minacce.

L’episodio è avvenuto ieri all’ora di pranzo, verso le 13, a Colmurano, in viale De Amicis, dove il ragazzo, disoccupato, noto alle forze dell’ordine e con problemi di tossicodipendenza, abita insieme ai nonni materni. Non appena il 26enne ha iniziato a dare in escandescenze, sbraitando e brandendo il coltello da cucina, i familiari hanno chiamato il 112. Sul posto sono arrivati i carabinieri della stazione di Urbisaglia. Il 26enne è stato sorpreso in flagranza di reato mentre, con violenza e minacce verbali, puntava l’arma contro gli ultraottantenni e la madre (che non abita con loro).

Il giovane, senza un’occupazione, con i 200 euro, frutto della pensione dei nonni, avrebbe voluto comprare la droga. Ma non è riuscito a prenderli. L’arrivo dei militari ha permesso che non avvenisse il peggio e nessuno si è fatto male, a parte il grande spavento. Non ci sono stati feriti e la zona non è dotata di telecamere di videosorveglianza. Il 26enne, in attesa che sia fissato il processo per direttissima, è stato portato in carcere, a disposizione della magistratura. Nominato d’ufficio come difensore l’avvocato Aldo Marchetti del foro di Macerata.

Lucia Gentili