Macerata, 13 marzo 2017 - Ladri sacrileghi a Villa Strada di Cingoli: nella chiesa parrocchiale di San Giovanni, l’altra notte, hanno rubato un prezioso ostensorio e le poche decine di euro rinvenute tra le offerte, procurando notevoli danni a infissi e arredi.

Dell’azione compiuta dai malviventi si è accorta ieri mattina la persona che si premura di aprire la chiesa per la messa domenicale. Indescrivibile la confusione in ogni locale accessorio.

Non è stato accertato se i malviventi siano rimasti nascosti nel tempio dopo la funzione della sera precedente, o se per penetrare hanno utilizzato un ingresso laterale, nel quale sarebbero visibili dei segni di effrazione. Comunque hanno potuto agire indisturbati.

Il parroco, don Sauro, che svolge il proprio ministero anche nella frazione di San Vittore, non abita nella casa attigua alla chiesa, quindi prima di lasciarla si premura di chiudere a chiave le varie porte interne. I ladri le hanno forzate, mettendo tutto a soqquadro: cassetti sottosopra, quadri rotti, scassinate le cassette delle elemosine davanti all’altare della Madonna e del Sacro Cuore, circa 60 euro il modesto bottino. Quindi si sono impossessati dell’ostensorio di notevole valore artistico, oltre che devozionale.

Un altro ostensorio, di pregi ancora più rilevanti e riposto in una diversa custodia, è sfuggito agli autori dell’incursione su cui i carabinieri di Cingoli, ricevuta la denuncia dal sacerdote dopo aver compiuto in sopralluogo, stanno facendo le indagini.

Gianfilippo Centanni