Macerata, 10 giugno 2017 – Trentamila fedeli radunati allo stadio Helvia Recina di Macerata per la messa che ha dato il via alla 39ª edizione del pellegrinaggio Macerata-Loreto. Ma prima della celebrazione, ecco la tanto attesa telefonata di papa Francesco. Il pontefice ha rivolto ai fedeli «un abbraccio grande» collegandosi al tema della marcia: «Mi ami tu?». «Una frase molto bella – ha detto il papa – e a due sensi, come le strade. Io posso chiedere a Gesù ‘mi ami tu?’ e Gesù chiede a me ‘mi ami tu?’. Auguro che questa sera, nel cammino, ognuno di voi senta la voce di Gesù, ‘mi ami tu?’ e poi domandi ‘mi ami tu?’ e senta quello che Gesù dice al cuore».

Le parole del papa, introdotte dal vescovo emerito di Fabriano Giancarlo Vecerrica, sono state accolte dagli applausi scroscianti della folla. Francesco ha poi mandato due volte «un abbraccio grande» ai pellegrini: «Vi auguro un buon pellegrinaggio - ha aggiunto - ma con questa frase a doppio senso, Gesù a me ‘mi ami tù, e io a Gesù ‘mi ami tù. Il Signore vi benedica e la Madonna vi custodisca» ha poi concluso il pontefice».

La telefonata del pontefice è arrivata poco dopo l’ingresso nello stadio della fiaccola della pace che il papa aveva benedetto nei giorni scorsi in piazza San Pietro e portata dall’atleta Michele Antonelli. Dopo la celebrazione eucaristica, presieduta dal cardinale Kevin Joseph Farrell, i pellegrini, fra cui tanti terremotati, si sono messi in cammino verso la basilica di Loreto, lungo un percorso di circa 30 km. Misure di sicurezza eccezionali per il pellegrinaggio, con una massiccia presenza di poliziotti e carabinieri. Blocchi di cemento posizionati lungo via dei Velini fino allo stadio. Controllati anche gli zainetti per i fedeli. Gli organizzatori e la questura avevano imposto che non venissero portate bottiglie di vetro.