Fiastra (Macerata), 8 ottobre 2017 - Lascia la sua casetta a San Martino di Fiastra, Giuseppa Fattori, per tutti Peppina, 95 anni (FOTO). Non c'è stato modo di convincerla ad andare a stare dalla figlia a Castelfidardo. Peppina vuole restare, Peppina resta. Andrà a stare nel container a pochi metri di distanza, di circa 10 metri quadrati, senza servizi igienici (c'è il box sanitario esterno). Ha innaffiato i fiori, stamattina, poi il nipote medico le ha misurato la pressione.

image

Un pranzetto nella casetta in legno (abusiva, il condono è bloccato dal vincolo paesaggistico), tutti insieme, l'ultimo pasto. E poi via, (per la seconda volta nel giro di 10 giorni) con i pochi bagagli e i vasetti dei fiori nel piccolo container. Non può trattenere le lacrime, la figlia Gabriella Turchetti, indagata insieme al marito Maurizio Borghetti. "Oggi abbiamo perso tutti - dice la figlia -, questa non è un'offesa a mia madre, è un'offesa all'umanità intera". Cita Anna Frank tra i singhiozzi, "lei credeva nella bontà della gente, nonostante tutto. Io non lo so più. Non so più niente oggi. Dicono che l'uomo danneggia quest'ecosistema con la sua presenza. Ma quale ecosistema? Questo era il giardino di mamma, prima del terremoto. Lei se ne prendeva cura".

Maurizio Borghetti appende la targa "La casetta di Peppina e Rino", Gaspare, per tutti Rino, marito di Peppina venuto a mancare 10 anni fa. "Le avevo promesso questa targa - spiega Borghetti -. Peppina si è messa a piangere quando l'ha vista". E ora, i famigliari sono preoccupati del lungo inverno che la 95enne dovrà affrontare nel container. Perché Peppina - ormai l'ha detto in tutte le lingue - da qui non se ne andrà. San Martino, col suo gatto Oreste, le galline e l'orto, è il posto dove vuole morire.

Ricorso respinto, Peppina deve lasciare la casetta

image