Macerata, 13 gennaio 2018 - Arriva per opera di un recanatese, Aldo Cipolletta, l’ennesima sentenza di condanna nei confronti dell’Italia da parte della Corte europea dei diritti dell’uomo (Cedu), perché il sistema giudiziario del nostro Paese non prevede adeguate misure che permettano ai creditori di società messe in liquidazione coatta amministrativa di fare valere i loro diritti davanti a un tribunale nazionale. Ma Aldo Cipolletta, purtroppo, non potrà più gioire di questa vittoria.

È morto il 18 dicembre a 89 anni, ma la sua famiglia e l’impresa edile da lui fondata avranno la soddisfazione di vedersi finalmente riconosciuto un diritto. Che cosa è successo? Siamo nel 1985 e il 30 aprile di trentatré anni fa il tribunale distrettuale di Macerata dichiara insolvente la società cooperativa di edilizia abitativa «Le Grazie» di Recanati, una triste vicenda per la città sia sul piano politico che sociale ed economico. Cipolletta era creditore della società – che ha visto in tutti questi anni alternarsi parecchi commissari liquidatori – per un importo che si aggirava sui 300 milioni delle vecchie lire, una cifra tale da mettere in ginocchio qualsiasi impresa, ma soltanto undici anni dopo, nel 1997, finalmente si era visto riconoscere il diritto a essere iscritto nell’apposito elenco dei creditori, per una cifra pari a 129.114 euro. Passano ancora altri anni e nel 2010 la procedura di liquidazione era ancora pendente, ma Aldo Cipoletta – stanco di una così lunga attesa, per niente affatto disposto a rinunciare al credito e non riuscendo a vedere finalmente liquidato quanto era nel suo diritto – si era rivolto alla Corte di Strasburgo. Basandosi sugli articoli 13 (diritto a un ricorso effettivo) e 14 (divieto di discriminazione), aveva lamentato che la durata del procedimento di liquidazione amministrativa avesse violato il principio del «termine ragionevole»: insomma, aveva atteso fin troppo tempo perché giustizia fosse fatta.

E la Corte europea dei diritti dell’uomo gli ha dato pienamente ragione: per l’ennesima volta lo Stato italiano è stato condannato per aver violato i diritti di Aldo Cipolletta, a cui dovrà pagare la somma di 100mila euro a titolo di risarcimento dei danni. Ci sono voluti ben tretatré anni per arrivare a questa sentenza: ora quanto tempo sarà ancora necessario perché effettivamente la famiglia di Cipolletta si veda restituire quanto è nel suo diritto? Sarà anche molto difficile che, a distanza di così lungo tempo, riuscirà mai a farsi pagare il credito che vanta con la cooperativa recanatese, non rivalutabile degli interessi che non si applicano in questi casi e che il tempo ha quindi eroso in termini di valore.