Macerata, 21 aprile 2017 - Prima si picchia in strada con altri giovani, poi prende a calci e pugni i poliziotti. Protagonista della notte di follia è stato un ventenne di Morrovalle, che nella notte tra giovedì e venerdì è stato arrestato: dovrà rispondere di violenza e resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali e oltraggio a pubblico ufficiale.

Tutto è cominciato attorno all’una in vicolo Rota, in centro, dove la volante era accorsa per una rissa. Gli agenti hanno notato un gruppo di giovani fronteggiarsi, e in particolare due ragazzi che si picchiavano. Avvicinatisi ai giovani per sedare la rissa, i poliziotti sono stati aggrediti con calci e pugni da uno dei contendenti, in stato confusionale, che li ha anche minacciati e insultati.

Caricato sull’auto di servizio per essere portato in Questura, il 20enne di Morrovalle ha continuato a dare in escandescenze, battendo con forza la testa su uno spigolo e minacciando gli agenti di lasciarlo andar altrimenti avrebbe denunciato di essere stato picchiato.

In Questura il giovane ha continuato nel suo show, tanto che gli agenti sono stati costretti a chiamare il 118. Portato al pronto soccorso in ambulanza, il 20enne ha continuato nel suo comportamento violento anche con il personale della vigilanza e alla fine è stato arrestato. Ora è ai domiciliari. Gli agenti hanno riportato lesioni giudicate guaribili in alcuni giorni.

Nel corso dei controlli svolti giovedì sera, la polizia ha identificato 35 persone, controllato venti auto e sequestrato 15 grammi tra hashish e marijuana: due giovani sono stati segnalati alla Prefettura come assuntori di sostanze stupefacenti.