Macerata, 9 settembre 2017 - Sex toys, abbigliamento intimo provocante e travestimenti, manette, filmini e accessori di ogni tipo. Chi si rivolge al Sexy Shop Movida (zona industriale Corridonia) si porta a casa di tutto. Il sesso certo non passerà mai di moda, ma si evolve nella tecnologia e nei comportamenti dei clienti. Lo spiega Rossano Minnozzi, il titolare, tra scaffali stracolmi di vibratori e giocattoli sessuali: «Ho aperto nel 1999, prima venivano quasi solo uomini e di solito tutti camuffati, con occhiali da sole e impermeabile – racconta –, oggi invece la gente non si nasconde più. Resta sempre un misto di vergogna e timidezza, ma abbiamo clienti di ogni età, dai 18 ai 70 anni, sia singoli, uomini e donne, anche over 60, sia coppie. Vengono in tanti dall’entroterra e dalla provincia, ma anche da Ancona, Jesi, Fano e dall’Abruzzo».

«Gli affari – prosegue Minnozzi – vanno sempre bene, anche se la crisi e l’avvento di internet si fanno sentire. Le persone non hanno più, magari, quei due soldi che avanzavano a fine mese, per togliersi uno sfizio. Reggono bene scherzetti per addii al nubilato e al celibato, lauree e feste di compleanno, molto bene anche i vibratori, ora anche di ultima tecnologia e regolabili col telefono tramite app, e tra i film si vendono sopratutto quelli del settore milf». I vibratori vanno dai 15 euro ai 219 euro, dal semplice all’ultratecnologico. «Quello più costoso, appena arrivato, è una novità – spiega Minnozzi –, registra con telecamera e audio, ha una buona memoria e si possono regolare le vibrazioni con lo smartphone. È ricaricabile, in silicone e anallergico».

Ci sono anche le palline  auto-vibranti, da indossare tutto il giorno, «azionabili dal partner anche a distanza di 15 metri con il telecomando, al cinema o al ristorante, ad esempio», fa presente il titolare, e altri strumenti per la salute della donna, al costo di poco più di 40 euro: se ne trovano per rafforzare il pavimento pelvico e per curare l’atrofia vaginale, la sensazione di bruciore o la difficoltà di penetrazione. I clienti, al Sexy Shop, chiedono anche molti consigli e spesso si confidano: «È il caso di donne di mezza età, ma anche di ragazzi alle prime armi. Chiaramente su internet manca questo rapporto venditore-cliente, qui invece le persone vengono ascoltate e indirizzate sulla scelta giusta per loro. Molto spesso, poi, tornano qui a ringraziarci».